Il Calcio nel sangue: Promossi i fratelli Mancosu: Matteo alla serie B, Marco alla A e Marcello all’Eccellenza

0

MUSSOMELI –  Mussomeli festeggia le promozioni dei fratelli Mancosu, Matteo con la Virtus Entella allenata da Roberto Boscaglia dalla Lega Pro alla serie B, Marco con il Lecce dalla serie B alla serie A e Marcello con l’Assemini dalla Promozione all’Eccellenza sarda. In tanti a Mussomeli oggi tifano per i fratelli “promozione” Mancosu, tutto questo grazie o per colpa di Angelo Mancosu, 71 anni un ex maresciallo dei carabinieri, oggi in pensione, zio dei calciatori, fratello del papà che da 44 anni vive a Mussomeli. Molti a Mussomeli per questa volata finale per la promozione in serie A, nel duello tra Lecce e Palermo hanno avuto il cuore diviso a metà, tanti hanno gioito per Marco Mancosu, che dopo tanta gavetta arriva in serie A. Marco ha esordito con il Cagliari in serie A 18 anni, prima di girare l’Italia, tanta Lega Pro e qualche apparizione in serie D, tra Siracusa, Benevento, Casertana e Lecce. Nel salento Marco Mancosu si è realizzato, in tre anni due promozioni consecutive, la fascia di capitano e 13 gol nell’ultimo campionato di serie B. Marco a 30 anni è un giocatore maturo e pronto ad essere protagonista anche in serie A. Matteo Mancosu a 34 anni ha vinto un altro campionato in Liguria con la Virtus Entella, con il suo mentore a Trapani Roberto Boscaglia. Matteo ha giocato pure in serie A con il Bologna e in Canada con il Montreal Impact. Marcello Mancosu 27 anni, dopo tanta serie C, quest’anno è ritornato in Sardegna ed ha vinto il campionato con l’Assemini. È forte il legame dei Mancosu con Mussomeli, i tre calciatori sono nati e cresciuti in Sardegna come lo zio Angelo, mussomolese d’adozione dopo esserci arrivato 44 anni fa per lavoro, essersi sposato e continuato a viverci. A Mussomeli sono nati i figli, Daniele e Felicina Mancosu, qui vivono e si sono sposati, loro che sono mussomolesi doc. Un legame forte quello tra i Mancosu che trascorrono le vacanze estive sempre insieme e diverse volte i genitori dei calciatori sono stati a Mussomeli. Una famiglia nel pallone quella dei Mancosu, Felicina gioca pure a pallone, nella squadra femminile della Don Bosco Mussomeli. Il marito Domenico Lo Manto è stato un buon giocatore, un centrocampista dai piedi buoni che ha giocato nel Mussomeli, nell’Acquaviva, nel Sutera e attualmente allena nelle giovanili della Don Bosco Mussomeli. “Matteo e Marco li aspettiamo presto a Mussomeli – afferma il cugino Lo Manto – non appena i loro impegni calcistici lo permetteranno. Faremo una grande festa, a cui saranno invitati tutti gli sportivi locali”. Tanti gli aneddoti che zio Angelo potrebbe raccontare su Matteo, Marco e Marcello, un legame veramente profondo. I Mancosu di Sicilia ogni volta che qualcuno dei tre fratelli viene a giocare in Sicilia vanno a vedere la partita e sabato addirittura sono stati pure in Puglia, sulle tribune dello stadio “Via del Mare” per vedere Lecce-Spezia, la partita della promozione in serie A. Con zio Angelo, c’erano la figlia Felicina, il genero Domenico Lo Manto ed i nipoti Elisa e Paolo. “Siamo felicissimi per Matteo, Marcello e soprattutto Marco – afferma zio Angelo – che finalmente corona il sogno di una vita, arrivare in serie A per meriti propri. Sarà bellissimi il prossimo anno con la fascia di capitano vederlo giocare a San Siro con Milan e Inter e a Torino”. (FONTE LA SICILIA: G.M.P.)