Serie D. Pari in extremis per la Sancataldese a Locri. Per il Gela, in superiorità numerica con il Troina, solo pari e rimpianti.

0

In serie D, nel girone I, due pareggi per le nissene. Tuttavia, se il pari ottenuto dalla Sancataldese all’ultimo minuto da Calabrese contro il Locri (nella foto) è pesantissimo in quanto ha permesso alla squadra verde amaranto di Manuel Milanesio di recuperare un match che, dopo il primo tempo, sembrava compromesso dal doppio svantaggio firmato da Strumbo e La Rosa, invece il pari del Gela è sembrata un’occasione persa anche perché il Troina è rimasto praticamente in nove per mezzora a seguito dell’espulsione di due suoi giocatori. Il Gela, tuttavia, non è riuscito a piazzare la stoccata vincente che avrebbe permesso alla squadra del Golfo di conquistare una vittoria importantissima per la sua classifica. Tornando alla Sancataldese, il match salvezza contro il Locri s’era messo male per i verdemaranto sotto di due gol nel primo tempo. Nella ripresa, tuttavia, il gran cuore dei sancataldesi è venuto fuori. Prima è stato Sicurella ad accorciare le distanze e poi, in pieno recupero, Calabrese ha segnato il 2-2 finale.  Con il pari di Locri la Sancataldese s’è portata a quota 24 in classifica e resta in zona play out (la zona salvezza diretta dista 2 punti). Rimpianti in casa Gela. Tutto è successo nella ripresa. Dopo che il Troina nel derby siciliano di serie D s’era portato in vantaggio con Sidibè, è stato raggiunto dal gol del solito Sowe. Il Troina è poi rimasto in nove, ma il Gela non ha saputo affondare i colpi per cui ha dovuto accontentarsi del pari. Il Gela è ora a quota 32 in classifica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here