Amministratori di condominio: come ci si comporta con la fattura elettronica nel 2019

0

Dall’1 gennaio 2019 con l’introduzione della fattura elettronica obbligatoria, anche per gli amministratori di condominio ci sono delle novità.

L’inclusione dei condomìni nel regime di applicazione della fattura elettronica è stata specificata direttamente dalla nota dell’Agenzia delle Entrate provvedimento n. 89757/2018 e dalla circolare n. 8/E, che contengono le specifiche tecniche per l’emissione e la ricezione delle fatture elettroniche.

I condomini, infatti, vengono considerati a tutti gli effetti dei consumatori finali.

La fattura nei confronti degli amministratori dovrà essere emessa in formato digitale XML, che garantisce un maggiore controllo grazie all’invio a un sistema d’interscambio (SDI) appositamente predisposto dall’Agenzia delle Entrate.

Il sistema d’Interscambio garantirà il controllo su ogni singola fattura: in caso di accettazione saranno consegnate ai destinatari, mentre in caso di problemi verrà emessa una notifica nei confronti dell’emittente specificando le motivazioni di tale rifiuto.

Su ogni ricevuta sarà applicata una sorta di sigillo elettronico, in grado di garantire l’autenticità e l’integrità della stessa e che fornisce al contempo la prova sia di ricevuta di recapito che di ricevuta di mancato recapito.

La ricezione della fattura, da parte del cliente finale, avverrà tramite il codice destinatario, mentre chi dovrà emettere fattura dovrà compilarla con i dati relativi al condominio come il codice fiscale.

Al fine di agevolare tutte queste procedure sono disponibili vari servizi e software in grado di gestire al meglio gli oneri legati alla fatturazione elettronica.

Tra questi, troviamo gestionali come Domustudio di Danea, dedicato appositamente agli amministratori. Attraverso il servizio “Fattura Elettronica Domustudio”, sarà possibile importare massivamente nel gestionale le fatture elettroniche del condominio procedendo alla registrazione automatica in contabilità in modo semplice e veloce.

L’Italia è tra i primi paesi in Europa a introdurre questo nuovo sistema di fatturazione elettronica, una novità che sta coinvolgendo, tra dubbi e incertezze, molti professionisti e aziende, che hanno ancora poche settimane utili per adeguarsi alla normativa e dotarsi di software per le gestione delle fatture elettroniche

Il Governo, attraverso le parole del Ministro dell’Economia Tria, ha già ripetuto in più sedi e occasioni che la data d’inizio di tale nuovo regime di fatturazione sarà, come previsto dalla norma, il prossimo 1 gennaio 2019 e che non ci saranno proroghe o slittamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here