Mussomeli, presentata la squadra dell’Asd Mussomeli: speranze ed ambizioni

0

L’Asd Mussomeli nel corso di una conferenza stampa, tenutasi in via Palermo, nella sede dell’ex Pd ha illustrato il nuovo progetto, che vedrà la squadra giocare a Campofranco, le ambizioni della società e soprattutto presentare la squadra ai tifosi. Un Mussomeli che dopo la tribolata estate, che ha visto la società ad un passo dal baratro e dalla cancellazione, riparte da Campofranco con nuove ambizioni. Conferenza tenuta dal presidente Salvatore D’Amico, il direttore generale Alfonso Piazza, il nuovo allenatore Alfredo Mattina e il sindaco di Campofranco Rino Pitanza. I dirigenti hanno spiegato come siano stati costretti a spostarsi a Campofranco, a causa delle disastrose condizioni del fondo campo del Nino Caltagirone, con tanti giocatori che per questo motivo hanno rifiutato Mussomeli. Campofranco che potrebbe essere la strada per un nuovo ambizioso progetto, che potrebbe portare il Mussomeli sempre più in alto e che ben presto potrebbe riservare delle gustose novità. Soddisfazione pure da parte del sindaco di Campofranco Rino Pitanza, che dopo la cancellazione della propria squadra e averle tentate tutte, con orgoglio ospiterà il Mussomeli. Nel corso della conferenza stampa presentato pure il mister Alfredo Mattina e la squadra. I giocatori vecchi e nuovi hanno posato con la nuova maglia, presentandosi a stampa e tifosi. Tanta l’attesa e la curiosità nel rivedere giocare con il Mussomeli, il mussomolese doc Fabio Messina. “Una conferenza stampa – hanno commentato fra loro i giornalisti, in cui ci è mancato tantissimo il nostro caro amico Enzo, la prima conferenza senza di lui e mancava dannatamente, è mancata la sua simpatia, la sua capacità di sdrammatizzare, la sua passione. Sarà perché il suo ricordo è sempre con noi, sarà perché non riusciamo a rassegnarci alla sua assenza, sarà perché non riusciamo a credere che lui non ci sia più, sarà perché eravamo accanto a casa sua, sarà perché semplicemente ci manchi Enzo, ma senza di Te non è più la stessa cosa”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here