La 5^ edizione di “Una vita da social”, tappa a Caltanissetta”. Il questore Signer: “Reati web in aumento tra i giovani”

0

La campagna educativa itinerante sui temi dei social network, cyberbullismo, adescamento online e privacy

Mercoledì 7 marzo Caltanissetta ha ospitato la 20^ tappa del “truck della Polizia Postale”, nell’ambito della quinta edizione della campagna itinerante di educazione alla legalità “Una vita da social”, realizzata dalla Polizia di Stato e dal MIUR, nell’ambito del progetto Generazioni Connesse del Safer Internet Center Italia, sulla sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della Rete. All’evento che si è svolto in Corso Umberto I, per la Questura di Caltanissetta, hanno partecipato il Questore Giovanni Signer, il Vicario Marco Giambra, il Capo di Gabinetto V.Q.A. Alessandro Milazzo e il Sostituto Commissario Salvatore Falzone, responsabile dei progetti di legalità.

Live da Caltanissetta, corso Umberto, che ospita la 20^ tappa del “truck della Polizia Postale”, 5a edizione della campagna itinerante di educazione alla legalità “Una vita da social”. Intervista al questore Giovanni Signer ed all’ispettore Salvatore Falzone.

Pubblicato da Il Fatto Nisseno su Mercoledì 7 marzo 2018

Il questore Signer, ai nostri microfoni, ha sottolineato: “L’iniziativa è un segno di grande prossimità ai giovani ed alla cittadinanza. I reati che vengono consumati attraverso il web sono in progressivo aumento ed i giovani sono vittime, in grandissima parte, di questa attività illecita. La polizia postale con i suoi esperti vuole dare ai ragazzi delle indicazioni per dissuaderli, inoltre, dall’utilizzare il web in modo ‘sbagliato’. La polizia ha investito tantissimo in questa attività, come dimostrano le recenti  riforme in seno al corpo e l’istituzione di comparti specializzati nelle indagini informatiche”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il sostituto commissario Salvatore Falzone, esperto di cyberbulismo: “Oggi presenti a Caltanissetta i sedici istituti scolastici cittadini che già in passato sono stati tutti interessati dalla nostra attività di prevenzione iniziata nel 2008. Bisogna fare rete contro bullismo e cyberbullismo. Ruolo fondamentale giocano la scuola ed i genitori. I nostri incontri recenti si sono svolti con gli adulti, parlare con loro oggi è importantissimo affinchè possano dare un buon esempio ai ragazzi”.

Gli incontri con i ragazzi sono stati tenuti dal Vice Dirigente del Compartimento Polizia Postale di Palermo, Francesco Re, cha ha intrattenuto i ragazzi con alcuni video proiettati nell’aula multimediale all’interno del truck. Sedici gli istituti scolastici del Capoluogo che hanno partecipato con il coinvolgimento di 160 ragazzi di scuole secondarie, di primo e secondo grado, accompagnati dai rispettivi docenti (scuola media “Filippo Cordova”, “Giovanni Verga”, “Rosso di San Secondo”, “Luigi Capuana”, “Pietro Leone”, “Terrapelata”, I.I.S. “Manzoni – Juvara”, I.I.S. “L. Russo”, I.I.S. “S. Mottura”, I.I.S. “A. Di Rocco”, I.P.S.I.A. “G. Galilei”, I.T.G.C. “M. Rapisardi”, Liceo classico e linguistico “R. Settimo”, Liceo scientifico “A. Volta”, Istituto “L. Pignato” e Liceo artistico “R. Assunto”). In Corso Umberto I, oltre a numeroso pubblico interessato alla tematica, è intervenuto il Prefetto Maria Teresa Cucinotta, il Presidente del Tribunale per i minorenni, Antonino Porracciolo, il magistrato del Tribunale Civile, Gabriella Canto e il Salvatore Benfante Picogna dell’Ufficio Scolastico Regionale – Ambito territoriale di Caltanissetta e Enna.

Particolare curiosità e successo ha riscosso la presenza dell’attore Angelo Russo, che in qualità di testimonial della campagna informativa, ha interpretato in uniforme l’Assistente di Polizia “Catarella”, della fortunata serie televisiva “Montalbano”. “Una vita da social” è un progetto al passo con i tempi delle nuove generazioni, dal 2015 co-finanziato dalla Commissione Europea, riconoscendolo come una delle migliori “best practices” in Europa. Un progetto al passo con i tempi delle nuove generazioni, che nel corso delle precedenti edizioni ha raccolto un grande consenso: gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno incontrato oltre 1 milione e 300 milastudenti sia nelle piazze che nelle scuole, 109.125 genitori, 61.451 insegnanti per un totale di 9748 Istituti scolastici, 39.000 kmpercorsi e 190 città raggiunte sul territorio e due pagine twitter e facebook con 121.000 like e 12 milioni di utenti mensili sui temi della sicurezza online. La Questura di Caltanissetta, negli ultimi anni, analogamente, ha portato avanti la predetta campagna educazionale e divulgativa presso 40 Istituti scolastici dei comuni di Caltanissetta, Gela, Niscemi, San Cataldo, Serradifalco, Mazzarino, Delia e Sommatino, incontrando più di 20.000 tra studenti, insegnanti e genitori. Secondo quanto emerso dai risultati di una recente indagine di Skuola.net e Osservatorio Nazionale Adolescenza sul corretto uso di internet, su circa 8mila adolescenti di 18 regioni italiane, il fenomeno è in crescita. Analizzando la fascia del campione tra i 14 e i 18 anni, salgono infatti al 28% le vittime di bullismo (nel 2016 erano il 20%, quindi un aumento del 40%), mentre circa l’8,5% è preso di mira sul web e sui social (6,5% lo scorso anno, quindi un aumento del 30%). Circa l’80% di questi ultimi, è oggetto di insulti e violenze sia nella vita online che in quella reale. Come visto, l’incidenza del bullismo “offline” è ancora nettamente maggiore: tra le vittime, il 46% ha pensato almeno una volta al suicidio e ha messo in atto condotte autolesive per il 32%. Il 75% delle vittime di bullismo si sente depresso e triste, il 54% ha frequenti crisi di pianto.

Condividi