Salute

Caltanissetta, comune: le “anomali” riunioni della commissione sanità… pour parler

Sergio Cirlinci

Caltanissetta, comune: le “anomali” riunioni della commissione sanità… pour parler

Mer, 23/12/2020 - 19:51

Condividi su:

Anomalia nissena… ma non è la sola. Dal 1° di ottobre ad oggi la VI° Commissione Sanità al comune si è riunita una ventina di volte. Giusto direte voi, siamo in piena seconda ondata e chi meglio di questa commissione deve tenere gli occhi aperti per vigilare che l’ASP offra ai cittadini un servizio preciso e puntuale ?

Peccato che in tutte queste riunioni, tranne una, si fa per dire, dalla durata media di 90 minuti, con vari componenti che entrano ed escono, mai in nessuna di queste si è parlato delle vere problematiche legate all’emergenza emergenza Covid, posti letto, personale etc..

Si sono affrontate tutte tematiche sicuramente interessanti e giuste, ma in un simile periodo ci si sarebbe aspettato che si mettesse più attenzione a quello che era la reale situazione del nostro ospedale, mai e dico mai si è fatto il minimo cenno a quello che una loro collega cercava di fare, parlo della consigliera Petitto. men che meno si è pensato di convocarla.

Vi sembrerà strano ma così è. Si è parlato di attività di informazione e sensibilizzazione su malattie genetiche per le giovani coppie e delle coppie spostate con rito civile, di cannabis medica, dell’analisi dei report dei dati epidemiologici provinciali che scaturiscono dal Registro Tumori ed elaborazione proposte su eventuali azioni politiche, della bozza protocollo d’intesa per il progetto sulla donazione degli organi.

Solo il 26 ottobre finalmente la luce….“tutti i Componenti concordano nel mantenere un livello d’attenzione alto sulla problematica in oggetto” Infatti in quel verbale si legge: “i Componenti si confrontano sulla realtà presente nel nostro territorio, infatti secondo le ultime informazione attinte dagli Stessi, (aggiungo io non ci voleva molto) anche nel nostro territorio si può richiedere la somministrazione del tampone, previo versamento all’Asp2 di €15 in caso di test sierologico e di 50€ in caso di tampone molecolare. Inoltre anche l’Asp2 per riuscire a tracciare in modo rapido i contagiati sta facendo ricorso ai test rapidi o antigenici, acquistati dalla Regione e messi a disposizione delle Aziende Sanitarie, per l’individuazione del corona virus , giacché danno il risultato in un periodo molto breve, anche se sono meno affidabili rispetto a quelli molecolari. Infatti se la carica virale del soggetto è bassa, il test potrebbe risultare erroneamente negativo. Ma il test rapido risulta ugualmente utile. Altra notizia su cui i Componenti si confrontano è la situazione attuale del RSA di viale Luigi Monaco di Caltanissetta, dove a causa dell’aumento dei numeri del contagio in tutta la provincia “i positivi sono 397 più 5 ricoverati fuori provincia”, l’Asp2 ha disposto che la struttura può accogliere al primo piano, 30 malati Covid-19 in via di guarigione, soluzione che consente di liberare posti letto nel reparto di malattie infettive”.

Per cui considerando che la seconda ondata dell’epidemia, sta colpendo anche il nostro territorio, tutti i Componenti concordano nel mantenere un livello d’attenzione alto sulla problematica in oggetto, con l’auspicio che anche la popolazione si dimostri attenta e responsabile, mettendo in atto tutte le misure previste per la lotta contro il Covid-19”.

Questo è tutto “l’ alto livello d’attenzione…” si fa per dire posto dalla VI° Commissione Sanità comunale, ripeto in una ventina di riunioni. Allego sotto i verbali, scaricati dal sito del comune. Qualora mi fossi dimenticato di mostrarne o citarne qualcuno, mi scuso con i componenti e li invito a produrli a sostegno del loro lavoro svolto in questo periodo. Ad Maiora

Necrologi di Caltanissetta