Salute

Vaccino influenza. Sicilia, raggiunto l’80% dell’obiettivo: a Caltanissetta 54.550

Redazione

Vaccino influenza. Sicilia, raggiunto l’80% dell’obiettivo: a Caltanissetta 54.550

Dom, 29/11/2020 - 11:05

Condividi su:

Vaccino influenza. Sicilia, raggiunto l’80% dell’obiettivo: a Caltanissetta 54.550

Un milione e mezzo di dosi in Sicilia per la stagione antinfluenzale iniziata il 5 ottobre per concludersi a fine febbraio. Oltre il 60 per cento in piu’ rispetto all’anno scorso: a Palermo 360 mila, a Catania 269 mila, a Messina 233.500, a Trapani 215 mila, ad Agrigento 114.600, ad Enna 38 mila, a Caltanissetta 54.550, a Siracusa 124 mila e a Ragusa 92 mila. Secondo fonti della Regione la campagna vaccinale ha raggiunto l’80% dell’obiettivo, con alcune differenze tra le province.

 A Palermo, ad esempio, sono state distribuite 300 mila dosi. Rispetto alle stagioni precedenti la vaccinazione oltre ad essere raccomandata ai soggetti a rischio – tra cui pazienti cronici come cardiopatici, diabetici, ipertesi, broncopatici e donne in gravidanza – e’ stata estesa anche agli adulti sani in buone condizioni di salute che hanno compiuto almeno 60 anni (l’anno scorso 65 anni), a tutti i bambini con eta’ superiore a 6 mesi che frequentino comunita’, ai familiari dei bambini con meno di 6 anni e agli operatori sanitari e agli operatori di pubblica utilita’.

L’anno scorso era stato registrato un incremento complessivo del 15% rispetto al 2018. Ma c’e’ chi segnala criticita’. Il segretario regionale di Federazione italiana sindacale medici uniti, Paolo Carollo denuncia la carente e disomogenea distribuzione dei vaccini antinfluenzali ai medici di famiglia, i medici di medicina generale: “Siamo infatti al paradosso: i vaccini non vengono forniti dalla controparte pubblica che pero’ ribadisce come l’adesione alla campagna vaccinale da parte dei medici, e in particolare quelli di medicina generale che svolgono assistenza domiciliare integrata o programmata, sia obbligatoria. Allora ci chiediamo se vista la mancata offerta dei lotti sufficienti di vaccini da parte della Regione si potrebbe anche configurare l’ipotesi di omissione di atto sanitario”.