Salute

I.C. Don L. Milani di Caltanissetta: il progetto “Biologi nelle scuole” non si ferma

Redazione

I.C. Don L. Milani di Caltanissetta: il progetto “Biologi nelle scuole” non si ferma

Ven, 08/05/2020 - 09:32

Condividi su:

I.C. Don L. Milani di Caltanissetta: il progetto “Biologi nelle scuole” non si ferma

CALTANISSETTA – Continua nelle classi terze del plesso Rodari di scuola primaria dell’I.C. Don L. Milani il progetto sull’alimentazione ideato e finanziato dall’ENPAB (Ente Nazionale Di Previdenza Biologi) e inserito nel PTOF dell’Istituto. Il progetto che coinvolge le classi terze della scuola primaria in circa novanta scuole su tutto il territorio nazionale, mette a disposizione degli studenti e delle loro famiglie la professionalità dei biologi nutrizionisti con l’intento di diffondere “la cultura e la consapevolezza alimentare nel rispetto coerente dell’ambiente”.

Un tema importante su problematiche attuali come la salute, il rispetto dell’ambiente e lo spreco alimentare sviluppato attraverso lezioni in classe, laboratori interattivi e sportelli di ascolto di educazione nutrizionale con le famiglie. Dopo l’improvvisa battuta di arresto con la chiusura delle scuole, il progetto, curato dalle dotoresse Letizia Alaimo e Gabriella Marranca, riprende grazie alla tecnologia, ma soprattutto grazie alla volontà della Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo Don Milani, prof.ssa Luigia Maria Emilia Perricone , degli insegnanti delle classi, Zappalà, Arcadipane, Fazio e Asaro e delle insegnanti referenti Augello e Panzica.

La decisione ferma di tutti è stata quella di non sottrarre opportunità educative e formative ai bambini e alle famiglie in questo momento difficile. La Didattica a Distanza mette tutti alla prova, impone la ricerca di nuove strategie e, certamente, chiama in aiuto le famiglie che stanno rispondendo in modo esemplare. Anche a loro va il grazie della scuola e delle esperte biologhe, se ieri si sono potuti realizzare questi “piccoli capolavori” con la frutta. Un abbraccio virtuale, infine, ai bambini della terza E e della terza F che con il loro slancio e la loro partecipazione sono riusciti ad azzerare le distanze.