Salute

Mafia: omicidi nell’ennese, ergastolo per Piddu Madonia e Totò Riina

Redazione

Mafia: omicidi nell’ennese, ergastolo per Piddu Madonia e Totò Riina

Gio, 17/05/2012 - 23:28

Condividi su:

CALTANISSETTA – La Corte d’Assise d’Appello di Caltanissetta ha confermato la sentenza di primo grado, con la quale Toto’ Riina, Piddu Madonia e Tano Leonardo erano stati condannati all’ergastolo. Carcere a vita anche per gli ennesi Giacomo Sollami e Pietro Pernagallo. I cinque imputati erano accusati di tre omicidi avvenuti nella provincia di Enna all’inizio degli anni ottanta. Rispondevano dell’agguato scattato nei confronti dell’ex esponente democristiano e direttore dell’ospedale “Umberto I” di Enna Giovanni Mungiovino, del delitto dell’ennese Giuseppe Cammarata e di quello di Toto’ Saitta di Barrafranca.  

Omicidi che sarebbero stati decisi dalla commissione regionale mafiosa all’inizio degli anni ’80 quando Toto’ Riina prese le redini di Cosa Nostra e decise di eliminare tutti gli avversari legati alla vecchia mafia. Omicidi commessi fra l’83 e il ’92. Mungiovino venne ucciso a colpi di pistola il 9 agosto dell’83 alla periferia di Enna, Cammarata fu vittima di una lupara bianca nella primavera dell’89 e Toto’ Saitta cadde sotto i colpi dei sicari di Cosa Nostra nel maggio ’92, nella piazza centrale di Barrafranca. La corte (presidente Andreina Occhipinti, a latere Giovanni Tomaselli) ha accolto le richieste del Pg Mariella Agliastro.