Salute

Omelia di S.E. Mons. Mario Russotto. Dal Vangelo secondo Matteo 5,38-48. Domenica 23

Michele Spena

Omelia di S.E. Mons. Mario Russotto. Dal Vangelo secondo Matteo 5,38-48. Domenica 23

Gio, 20/02/2020 - 14:28

Condividi su:

Omelia di S.E. Mons. Mario Russotto. Dal Vangelo secondo Matteo 5,38-48. Domenica 23

Dal Vangelo secondo Matteo 5,38-48.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: « Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”;
ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guanciadestra, tu porgigli anche l’altra;
e a chi ti vuol chiamare in giudizio per toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello.
E se uno ti costringerà a fare un miglio, tu fanne con lui due.
Dà a chi ti domanda e a chi desidera da te un prestito non volgere le spalle ».
Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”;
ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori,
perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti.
Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani?
E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste. »