Alla scoperta del giornalismo online: il Ruggero Settimo visita il Fatto Nisseno

0

imageCALTANISSETTA – La classe 3E del liceo classico Ruggero Settimo di Caltanissetta è stata ospite della redazione del giornale Il Fatto Nisseno. I ragazzi, nell’ambito del progetto di alternanza scuola-lavoro, sono stati gentilmente accolti dal direttore editoriale Michele Spena il quale ha reso l’incontro piacevole ed interessante. Il percorso è iniziato poche settimane fa, quando il direttore è giunto a scuola per raccontare come è nato il suo quotidiano e come si svolge il lavoro del giornalista.
La visita in sede non è stata solo a carattere informativo riguardo ai principi del giornalismo online, ma è stata soprattutto un’avvincente lezione sulle norme etiche da seguire nella vita sia se si vuole intraprendere il percorso giornalistico, sia se si vuole seguire qualsiasi altra professione.
“Nella vita è importante che tu sappia fare anche lo psicologo, qualunque lavoro tu svolga: è giusto che i rapporti con il territorio, i colleghi e i lettori siano leali e improntati al rispetto” puntualizza il direttore, spiegando il ruolo di rilievo delle relazioni umane nella nostra vita, in qualsiasi campo: grazie ad esse una persona è in grado di trovarsi a proprio agio in ambiente lavorativo e non solo.
Gli studenti hanno imparato i segreti del giornalismo online, conoscendo le tecniche di controllo di un giornale come Il Fatto Nisseno; hanno, quindi, scoperto siti e piattaforme prima a loro sconosciuti che consentono di apprendere i parametri di un indirizzo web e di come si pubblica un articolo in rete. Utile è stato anche l’analisi di varie testate online che ha messo in luce dati numerici significativi.
Le poche ore richieste per l’incontro hanno catturato l’attenzione di tutti i ragazzi grazie al carisma e alla simpatia coinvolgente di Michele Spena che ha svelato i rischi, ma anche le curiosità del ruolo da lui ricoperto e che ha condiviso la sua carriera professionale sin dagli esordi.
Un’esperienza irripetibile, ma sicuramente da ripetere, per i giovani liceali.

Gaia Cigna e la 3E DAMS