Salute

Sicilia, Regione: Palazzo Orleans, al giro di boa i lavori sulle aree esterne

Redazione

Sicilia, Regione: Palazzo Orleans, al giro di boa i lavori sulle aree esterne

Mar, 22/09/2020 - 10:04

Condividi su:

Sicilia, Regione: Palazzo Orleans, al giro di boa i lavori sulle aree esterne

Prosegue l’opera di restyling sulle aree esterne di Palazzo Orleans. Cominciati a metà giugno, i lavori – necessari per innalzare il livello di sicurezza dell’immobile sede della Presidenza della Regione Siciliana – possono considerarsi al giro di boa e dovrebbero essere ultimati, così come da contratto con l’impresa aggiudicataria, ai primi di dicembre.

“Ma – afferma il governatore Nello Musumeci – contiamo, visto la celerità con cui vanno avanti, di terminarli in anticipo. La necessità di rendere più sicuro un sito considerato strategico e per definizione “sensibile” è stata l’occasione per aumentarne anche il decoro con una serie di opere pensate per entrare in sintonia con la bellezza del palazzo ed esaltarne ancora di più lo splendore. Tra non molto, ormai, cittadini e turisti potranno ammirare un’area verde curata in ogni dettaglio che fungerà da suggestiva anticamera ai giardini del Parco Orleans, anch’essi ormai prossimi alla riapertura. E’ un progetto ispirato rigorosamente a senso dell’estetica e dell’armonia com’è giusto che sia per un monumento tanto prestigioso e per una città ricca di storia e di cultura come Palermo”.

I lavori, diretti dall’architetto Teotista Salerno, hanno reso necessario il restringimento temporaneo, da tre a due corsie, della carreggiata che attraversa piazza Indipendenza ma già a inizio ottobre parte del cantiere dovrebbe essere smontato a beneficio della viabilità che, comunque, non ha mai subìto vistosi rallentamenti. E’ stato ormai quasi completato, invece, il restauro dell’intera recinzione in pietra calcarea e ferro battuto che si trova ai bordi di corso Re Ruggero. In arrivo da Valderice le due fontane circolari mentre è già stata collocata parte della pavimentazione in pietra di billiemi, così come gli impianti di illuminazione e di irrigazione. Definite pure le aiuole che accoglieranno le stesse essenze arboree che si trovano all’interno del parco. Responsabile unico del procedimento è l’architetto Rino Beringheli.