Salute

Il ministro Azzolina a Palermo, visita alla scuola ‘G. Falcone’. Rassicura i docenti: “Non siete soli”

Redazione

Il ministro Azzolina a Palermo, visita alla scuola ‘G. Falcone’. Rassicura i docenti: “Non siete soli”

Lun, 06/07/2020 - 08:55

Condividi su:

Il ministro Azzolina a Palermo, visita alla scuola ‘G. Falcone’. Rassicura i docenti: “Non siete soli”

“Sono felice che il ministro sia qui a raccogliere non solo i problemi e le istanze, ma anche l’importanza e l’entusiasmo con cui svolgiamo le nostre attivita’ e assicuriamo la nostra presenza in questo territorio”. Lo ha detto la presidente della scuola “Giovanni Falcone” di Palermo nel corso del confronto con la ministra all’Istruzione, Lucia Azzolina e con i docenti nell’aula magna del plesso. L’istituto comprensivo, situato allo Zen 2, e’ stato bersaglio di numerosi raid vandalici.

“E’ una scuola esposta e fortemente presente nel territorio”, ha affermato una docente, “facciamo tante cose perche’ crediamo nel senso dello Stato e del dovere. La scuola non si e’ mai fermata, nemmeno durante il lockdown e abbiamo svolto tante belle attivita'”. “I ragazzi sono meravigliosi – ha aggiunto una collega – ma gli sono negati tanti diritti, vivono in contesti difficili, ma questo non puo’ essere una discriminante e noi facciamo in modo che non lo sia”.

 “Li abbiamo portati a vedere anche una tragedia greca”, racconta una docente, “c’e’ molto desiderio di conoscere e abbiamo registrato un grande entusiasmo. I problemi sono i mezzi”. “Non devo chiedere nulla ai miei docenti – ha ripreso la preside Lo Verde – hanno molto spirito di iniziativa e grande dedizione. Questa e’ la nostra casa. E lo e’ anche per i ragazzi con cui abbiamo sviluppato questo senso di appartenenza. Anche per loro e’ diventata una casa. Abbiamo deciso che non dovevamo perdere neppure uno di loro e abbiamo raggiunto questo obiettivo, il piu’ importante, chiamndo le famiglie una dopo l’altra”.

“E’ la casa del futuro”, ha chiosato la ministra Azzolina, compiaciuta per l’abnegazione degli insegnanti e delle attivita’ e della passione della comunita’ scolastica. “Ci sentiamo sostenuti dal ministro che e’ stata sempre presente – ha proseguito Lo Verde – ricordo la prima volta che mi ha chiamato: ‘Pronto sono Lucia’, ha detto, e da quel momento ci ha sempre seguiti. La ringrazio. “No io ringrazio voi – ha risposto il ministro – la funzione della scuola e’ occuparsi di tutti i ragazzi, nessuno escluso, se non lo fa, ha fallito. Per questo ringrazio questa scuola e voi docenti che fate un lavoro importante anche in condizioni difficili. Non ci fermiamo alle telefonate. C’e’ un impegno e un’azione precisi e concreti per questa scuola che non e’ da sola”.