Salute

Caltanissetta: “L’arte che cura” dal 13 al 15 dicembre

Marcella Sardo

Caltanissetta: “L’arte che cura” dal 13 al 15 dicembre

Lun, 09/12/2019 - 09:13

Condividi su:

Caltanissetta: “L’arte che cura” dal 13 al 15 dicembre

Prendersi cura del benessere delle persone stimolandole attraverso l’arte. Un presupposto scientifico ormai consolidato e che, a Caltanissetta, è promosso dal comitato scientifico Mentecorpo Lab con l’ausilio di EmotivaMente e Creative Spaces.

Tra il 13 e il 15 dicembre è stato organizzato l’evento “L’arte: Che cura!” finalizzato a promuovere “la creatività nella cura dell’altro: creare contatti attraverso l’empatia, la neuroestetica e l’umanità”.

Il calendario è variegato e dedicato a un pubblico eterogeneo includendo chi pratica l’arte e chi, invece, sa riconoscerne il potere percettivo e trasformativo. In tre giornate si potrà assistere a un evento congressuale, una proiezione serale di cortometraggi, una collettiva d’arte, uno spazio sperimentale fatto da 5 workshop e un pranzo consapevole, una rete di connessioni tra luoghi di ristoro e ricreativi del centro storico e un gruppo di più di cento persone coinvolte tra organizzatori, associazioni e collaboratori.

“Oggi le più recenti ricerche neuroscientifiche hanno dimostrato che ogni persona ha la capacità di attivarsi di fronte una forma d’arte con la possibilità di sperimentare e sentire parte dell’intenzionalità dell’artista che ha creato l’opera – ha spiegato Michele Cannavò, psichiatra e psicoterapeuta, Didatta Istituto di Gestalt H.C.C. Italy, Presidente MenteCorpo Lab e fototerapeuta -. Abbiamo quindi scelto di creare un evento che parlasse di arte, artisti, scienza, cura e umanità. Vogliamo avvicinare le persone all’arte indicando questo percorso come una strada per occuparsi del benessere delle persone”.

Gli organizzatori della manifestazione hanno parlato di “arte” come uno strumento o un metodo di approccio da utilizzare come strumento di cura senza pretendere che questo sia “il migliore” o “il più efficace” ma, semplicemente, come una valida strategia per raggiungere l’obiettivo finale.

“Il nostro messaggio a questa amata città, scelta come sfondo a questo evento nella cornice culturale e storica del Palazzo Moncada sede del consorzio Universitario di Caltanissetta, – ha concluso Michele Cannavò – è quello di non perdere mai la speranza e di non smettere mai di mettere in moto energie nuove per coltivare fiori in terre dove sembrano esserci solo terremoti e lunghi periodi di aridità”.

L’evento si svolgerà dal 13 al 15 dicembre al Consorzio Universitario Nisseno in corso Vittorio Emanuele a Caltanissetta

Per rimanere aggiornati è possibile visitare la pagina Facebook “L’arte che cura”. Evento gratuito. Per l’iscrizione inviare una mail a centrostudilab@gmail.com