Caltanissetta. Un gran successo all’IIS “Sen Angelo Di Rocco” l’evento “A Tavola con le eccellenze del Territorio”.

0

CALTANISSETTA. Valorizzare e promuovere le eccellenze agricole ed eno gastronomiche del territorio nisseno associandole alla sua storia e cultura. È lo spirito del progetto denominato “A tavola con le eccellenze del territorio” che l’Istituto di Istruzione “Sen Angelo Di Rocco”, la Fondazione Campagna Amica, e la Federazione Coldiretti di Caltanissetta stanno portando avanti con un percorso il cui appuntamento inaugurale s’è svolto presso la sala ristorante dell’Istituto Di Rocco. Nel corso dell’evento sono stati presentati prodotti tipici del nisseno rivisitati da docenti ed alunni dell’Istituto “Di Rocco”. Il tutto reso possibile grazie alla sinergia tra lo stesso Istituto scolastico superiore nisseno, di cui è dirigente scolastica la prof. Giuseppina Terranova, le aziende presenti nel territorio e la Coldiretti di Caltanissetta del presidente dott. Francesco Cucurullo e del direttore Massimo Primavera. All’evento hanno preso parte il Prefetto Dr. Cosima Di Stani, il Presidente della Corte d’Appello Dr. Maria Grazia Vagliasindi, il Questore Dott. Giovanni Signer, il Capo del Centro Dia, Dott. Giuseppe Pisano, il Comandante dei Carabinieri, Colonnello Dott. Baldassarre Daidone, il Comandante della Guardia di Finanza Dott. Andrea Antonioli. Presenti anche il dirigente dell’Ufficio scolastico regionale VI dott. Luca Girardi, l’assessore Michele Tornatore, il presidente di Casa Famiglia Rosetta, dott. Giorgio De Cristoforo, il presidente del Consiglio d’Istituto Carmela Di Marco, il dott. Aldo Amico, presidente della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, lo staff dei funzionari dell’A.T. di Caltanissetta, i rappresentanti delle aziende e ristoratori. La dirigente scolastica ha sottolineato come l’evento, voluto da Coldiretti, ha inteso promuovere i prodotti locali in un’ottica di confronto tra cibo e cultura tesa a valorizzare un nuovo paradigma di qualità in una scuola come l’Istituto Alberghiero in grado di esprimere professionalità destinate a diventare il futuro stesso della ristorazione. La dirigente scolastica ha ringraziato l’azienda agro zootecnica di Luca Cammarata di San Cataldo, l’azienda vitivinicola Masseria del Feudo di Carolina e Francesco Cucurullo, l’azienda agricola Fratelli Lo Giudice e tutte le aziende di Campagna Amica. Contributi alla riuscita dell’evento sono arrivati dai docenti di cucina (Giovanni Chianetta e Vella Alessandro); di Sala e bar (Michelangelo Terrazzino, Gioacchino Fabio Casà e Saia Calogero), accoglienza turistica (Vanda Muti), degli assistenti tecnici (Fabio Casà, Gaetano Fregapane, Antonino Di Carlo, Calogero Piscopo, Calogero Martorana, Salvatore Gulisano, Concetta Corinto, Teresa Cadetto), dei collaboratori (Marilena Piscopo, Giovanni Perri) e dell’assistente tecnico audio video (Fabrizio Puccio), ma anche da alcuni alunni delle classi 2^ C, 3^ B, 3^ N, 4^ B, 4^N e 4^ O dell’Istituto Alberghiero. Per la cronaca, il pranzo proposto è stato un singolare percorso tra grani antichi, formaggi, carni, erbe spontanee e prodotti della terra. La caponata di stagione con capperi ed asparagi, i carciofi ed il carpaccio d’agnello, hanno costituito, assieme alla cornucopia di lonza con delizia di latte, noci e rucola la proposta di un antipasto di qualità esaltato da odori e sapori tipici del territorio nisseno. Coinvolgente, tra tradizione ed innovazione, anche la proposta dei primi piatti, con il maccheroncello al ragù bianco di suino nero con verdura nostrana ed i ravioli ripieni di agnello su virgola di erbe spontanee. Il rollatino di capretto con sapori nisseni su base di ortaggi tipici ha poi completato un’esperienza intrigante tra gusto e qualità. L’arancia flambè con croccante di mandorle e quenelle di ricotta e la torta con farina di maiorca e ricotta hanno concluso un percorso di sapori esaltato dai vini dell’azienda Masseria del Feudo. Il tutto nel contesto di un evento che ha dimostrato come la scuola, con le sue professionalità, può creare un ponte tra i produttori e loro eccellenze da una parte ed il territorio dall’altra in un contesto di impareggiabile qualità ed opportunità.