Salute

Il popolo del centrodestra abbraccia la candidatura a sindaco di Michele Giarratana, bagno di folla entusiasta per l’ingegnere nisseno

Donatello Polizzi

Il popolo del centrodestra abbraccia la candidatura a sindaco di Michele Giarratana, bagno di folla entusiasta per l’ingegnere nisseno

Dom, 24/02/2019 - 03:12

Condividi su:

Il popolo del centrodestra abbraccia la candidatura a sindaco di Michele Giarratana, bagno di folla entusiasta per l’ingegnere nisseno

Vi stringo in un grandissimo abbraccio, come voi avete fatto con me. Sono emozionato, oggi è l’occasione per partecipare ad una nuova era della politica. Vi sono grato, vi devo ringraziare per l’inizio di questa avventura: voglio ringraziarvi ad uno ad uno, tutti i partiti, tutte le persone, tutti i movimenti politici, tutti quelli che hanno spinto verso una speranza di rinascita. Tutti abbiamo voglia di riscatto, mi avete investito di una responsabilità grande. Non vi deluderò mai nella riconoscenza, che vi porgo già da adesso. Come diceva Peppino Mancuso se è vero che l’irriconoscenza umana è più grande della misericordia divina, questo non è il caso. Grazie per avermi dato fiducia”.

Michele Giarratana emozionato ma deciso regala alla folla, entusiasta e partecipe che ha assiepato l’Hotel San Michele per l’apertura della sua campagna elettorale, un passaggio dialettico di sensibilità e riconoscenza; prendendo atto della responsabilità della quale è stato investito. Un crescendo rossiniano nel suo discorso più volte interrotto e sottolineato dagli applausi anche dei tanti deputati europei, nazionale e regionali che sedevano in prima fila per sostenerlo. Folta la presenza di giornalisti di quotidiani cartacei, web, radio e televisioni.

Michele ha poi accompagnato l’uditorio in un crescendo di trepidazione: “Siamo riusciti, tutti insieme, a mettere le basi per rilanciare la nostra terra. Devo ringraziare i miei amici fraterni di Caltanissetta Protagonista, movimento in cui vivo, il presidente a vita a prescindere, Michelangelo Lovetere e il consigliere Toti Petrantoni, e con loro tutti gli altri. Adesso tutti insieme iniziamo un percorso comune di ricostruzione. Ci siamo ritrovati dopo un naufragio che ci ha fatto del male, che però ha portato a terra la parte migliore. La voglia di riscatto è quella di tutti voi; abbiamo navigato su imbarcazioni diverse ma ci siamo ritrovati, dopo aver scampato un grande pericolo: quello di poter consegnare questa città ai mediocri, di non riconsegnarla a quella parte di sinistra che … non ha governato. Siamo riusciti, tutti insieme, a mettere le basi per rilanciare la nostra terra”.

Giarratana è un fiume in piena: “Noi oggi non abbiamo riferimenti. Da adesso dobbiamo coltivare la speranza, c’è una nuova comunità. Oggi oltre alla passione serve la razionalità. La nostra forza, quella che stiamo dimostrando giorno per giorno, alimenta purtroppo sempre più l’odio di alcuni. Qualcuno ha cominciato una meschina opera di demolizione; i miserabili ed i mitomani non albergano più in questo centrodestra e se noi dovessimo vincere, butterò gli ascari fuori dal tempio; non c’è spazio per chi semina odio. Noi premieremo il merito di chi si impegna e di che ci mette la faccia. Al programma stiamo lavorando con un tavolo specifico, che tutti condivideremo: programma concreto, che tutti dobbiamo rispettare. Siamo in una fase di costruzione. Piccolo flash sul centro storico: come se dall’apertura di 100 metri di strada dovesse dipendere il destino di una comunità. E’ una cosa assurda!”.

Poi il momento clou con la scopertura dello slogan che accompagnerà Michele Giarratana nella sua campagna elettorale “Ora è l’Ora”: “Caltanissetta non si può accontentare delle piccole cose, dobbiamo essere ambiziosi. Condizione indispensabile per la rinascita della nostra città. Ora è l’Ora di premiare il merito. E’ l’ora di finirla di dire è un cretino … ma è un mio amico, ma bisogna dire è un mio amico ma… è un cretino. Ora è l’ora di assumersi la responsabilità, nel rispetto delle norme. Ora è l’Ora di riconoscere le capacità di ognuno, di finire di piangerci addosso. Ora è l’ora del Riscatto, tutti insieme!”. L’applauso e l’affetto della folla sommergono Michele Giarratana.

Prima del candidato sindaco, gli interventi dei deputati. La neve ha rivoluzionato la scaletta e indotto  Gianfranco Miccichè  ad anticipare il suo intervento (per il concreto timore che il presidente dell’Ars restasse bloccato nel capoluogo nisseno causa l’inclemente maltempo), frizzante, ed energico: “Sono qui come rappresentante di Forza Italia e amico di Michele. Intanto stamani ho parlato con l’Udc, mi hanno detto che sosterranno Giarratana. La coalizione di Centrodestra c’è tutta, c’è l’intero governo regionale. Abbiamo fiducia nella tua persona, in questa città abbiamo bisogno di uno con le palle! Ci sono battaglie feroci da combattere a Roma, la prima con l’Anas per attenuare l’isolamento che attanaglia Caltanissetta. Oggettivamente siamo una potenza. Nisseni non perdete questa occasione, perché questa è una brava persona”. Miccichè sottolinea, con riferimento all’attualità: “Noi siamo 5 milioni in Sicilia, 5 al Nord, e 50 milioni nel mondo. Ognuno di noi ha un parente fuori, noi siamo per l’accoglienza. Se il successo della Lega è per il populismo, se dovessi capire che nasce dal razzismo, io vado via dalla Sicilia… ma noi siamo diversi, noi siamo per l’accoglienza, noi accettiamo. Siamo generosi e di integrazione”.

Dopo l’entusiasmante intervento di Miccichè, si riprende a tessere il filo delle alleanze. E’ stato il momento del saluto dei responsabili locali dei movimenti e partiti che sostengono Giarratana: Michelangelo Lovetere di Caltanissetta Protagonista, Luigi Zagarrio di Sicilia Vera, Paolo Mattina di Diventerà Bellissima, Lorenzo Tricoli di Idea Caltanissetta, Fabrizio Macaluso di Fratelli d’Italia e Pietro Milano di Forza Italia.

L’asticella dell’entusiasmo è stata ulteriormente innalzata dall’onorevole Giuseppe Milazzo di Forza Italia: “Ci vogliono persone come Michele Giarratana per ridare prestigio a Caltanissetta. Per Il sindaco oltre ad essere perbene, deve essere competente, altrimenti perdiamo 5 anni come è accaduto qui. Noi siamo qui per testimoniare che questo Comune ha una grande opportunità, una Regione ‘amica’ per progettare e realizzare i progetti che determineranno il rilancio di questo capoluogo. Solo andando controvento ci si può alzare in volo, il 28 aprile Caltanissetta tornerà a volare”.

Non meno incisivo l’intervento del deputato Giovanni La Via, Forza Italia: “Mi rivolgo a te Michele, ci vuole una sana follia pe scommettere e decidere di guidare una città. Una sala così piena di gente non si vedeva da tempo e non solo a Caltanissetta. Abbiamo l’occasione di cambiare la città, con un professionista dalle forti competenze. Noi ci siamo e ci saremo per la tua Caltanissetta. Grazie per il tuo impegno”.

Giampiero Cannella, segretario regionale di Fratelli D’Italia che pur di essere presente ha valicato la neve a Scillato: “Oggi niente mi avrebbe fermato. Conosco Michele da una vita, da tanti anni: il filo di amicizia non si è mai interrotto. Michele esiste a prescindere dalla politica e generosamente mette la sua persona a disposizione della comunità. La sua candidatura riunisce il centrodestra bello che tornerà a vincere per una Caltanissetta votata al futuro”.

Giovanna Candura, coordinatrice regionale Diventerà Bellissima: “Se in una giornata così fredda c’è tanta gente, vuol dire che intorno a lui si è coagulato un progetto serio e responsabile. Caltanissetta che Peppino Mancuso definiva la Piccola Atene, negli anni è stata ridotta a Troia distrutta. Con Michele Giarratana Caltanissetta rinascerà; la nostra lista si Ritornerà Bellissima, questa città lo merita. Sono emozionata perché con te ho vissuto gli anni migliori della nostra città con il sindaco Peppino Mancuso, nostro maestro, e noi assessori lavoravamo in modo instancabile. Michele hai dimostrato di amare questa città e lei ha bisogno di questo amore, e di essere servita. Vogliamo cambiare in meglio questa città che Ritornerà Bellissima”.

Michele Mancuso, deputato regionale di Forza Italia: “Una sala così gremita determina i complimenti a tutti quelli che partecipano a questo progetto che è l’idea di una città diversa, a cui tutti dobbiamo contribuire, ognuno secondo le sue possibilità. Michele Giarratana è innanzitutto un sincero amico a cui devo tanto e adesso sono accanto a lui, pronto a dedicarmi ad un progetto che mira alla rinascita di Caltanissetta. La cosa più bella di questa serata è che nessuno si è girato indietro, nessuno ha nominato chi ha ridotto la città in ginocchio, perché oggi si guarda solo al futuro, a Michele Giarratana”.

(Foto di Gaetano Camilleri)

il candidato a sindaco di Caltanissetta Michele Giarratana apre la campagna elettorale, LIVE dall'Hotel San Michele di Caltanissetta

Publiée par Il Fatto Nisseno sur Samedi 23 février 2019