A Mussomeli il nuovo anno inizia con le Quarantore

0

MUSSOMELI – Iniziano domani, primo gennaio 2018,  le Quarantore nella Cappella della Casa di Riposo “P.Calà”,  di cui è cappellano Don Liborio Franzù. Questi gli orari giornalieri, per tutto il periodo eucaristico  fino al 13 febbraio 2018: ore 10, la messa di Esposizione; ore 16, l’ora Santa comunitaria e alle 18,30 i Vespri con omelia il cui tema, quest’anno riguardano i Salmi. Immutato  il turno delle chiese che vedono, a seguire, la chiesa di San Francesco, santuario Maria SS. dei Miracoli, parrocchia di Cristo Re, chiesa San Gioacchino e Sant’Anna, detta dei Monti, parrocchia della Trasfigurazione, chiesa di Santa Maria di Gesù, parrocchia del Carmelo, parrocchia S. Enrico, parrocchia San Giovanni, chiesa del Collegio di Maria, Parrocchia Madrice e chiesa di S. Antonio Abate. In quest’ultima chiesa, il tema dell’omelia serale riguarderà la lettera pastorale del Vescovo.

C’è un detto paesano, quando le quarantore iniziavano sotto le feste natalizie, che diceva così: ”S’ammiscaru virciddati e maccarruna”, che gli anziani amavano ripetere, per ricordare, appunto, le due ricorrenze: il Natale e la vicina Quaresima”. La Pasqua del 2018 ricade il primo Aprile.

Int,nto, con i suoi versi ci pensa don Salvatore Callari a descrivere tale periodo:

Li quaranturi a Mussumeli

*Mancu à passatu  ‘a festa di Natali

Cu lu bamminu ancora sull’artari

Tecchia di nivi ‘ncapu  li canali

La genti s’accumincia  a priparari.

  • Vinnu li jorna di li quaranturi

Timpi d’invirnu cu tanti jlati

E  nu’  ‘nteressa  si su’ timpi duri

E si li friddu lassa  assantumati

* E la campana sona a tutti l’uri

La chiesa è tutta bella e  arrizzittata

“viniti a visitari lu Signori

Ca la jurnata iè santificata”.

  • ‘ncapu l’artari juri in abbunnanza

Iè ‘na viduta ca nni fa priari

D’amuri è certu ‘na vera fragranza

Cchiù  migliu d’accussì nun si po’ fari.

* E’ lu timpu di li quaranturi;

Iè ricurdu lassatu di l’antichi

Nun si scorda pirchì fa tantu onuri

A tuttu lu paisi granni e nichi.

* Si senti lu bisugnu di priari

‘na bella usanza tutta paisana

Si va pi lu piaciri d’ascuntari

Senza scantu di acqua e tramontana.

*Si inchi la chiesa si prega e si canta

E lu cori s’allarga e si arricria

A tutti piaci ca iè cosa santa

Comu fussi d’angiuli armonia .

* Si loda lu divinu Sacramentu

E la vuci divota nun si stanca

Ca lu Signori resta sempri attentu

E la  la gioia nn ‘u cori nun ni manca .

*E c’è la missa e la comunioni

D’ ‘a vita ‘eterna duna la caparra

Si iè fatta cu fidi e devozioni;

Iè parola di Cristu ca nu’ sgarra.

*Li vespri di la sira su’ ‘na festa

Cantanu tutti cu lu cori ‘n manu

Cu tanta  gioia ca  si manifesta

Comu ci attocca a  un veru cristianu.

*Quannu si spingi ‘a spera e binidici

La genti cala ‘a testa e resta muta

E a lu Signori cu ‘u cori ci dici:

“ ‘un ti scurdari di ‘st’armuzza spruta.”

*Ci su’ ‘i jorna d’ ‘a prucissioni

Si accompagna  ‘u Signori ca firria

Pi ‘n’antra chiesa e dda li funzioni

Rinnovanu la stessa liturgia.

*Ci su’ banneri, stinnardi, tammura,

pi gloria di Cristu, certamenti,

e macari pi far bella figura,

‘un si sa’ mai, pi ucchiu di la genti.

  • Genti di Mussumeli c’ascuntati

Chista è usanza  di la fidi antica

E pi la vita nun vi la scurdati

Di   chistu lu Signori s’allammica .

*Nun vi meraviglati s ‘è un misteru,

Iè veru chiddu chi nn’annu  ‘nsignatu

E ci cridimu cu’ cori sinceru

Ca iè  ‘a  prova di Cristu ‘nnamuratu .

*Li quaranturi su’ ‘na vera festa

Di la fidi chi  a Cristu duna gloria

Tutti speriamu ca sempri ‘nn’arresta

Cumu lu stemma di la nostra storia.

Don Salvatore Callari