Palpeggia una ragazza e si masturba sulla nave: arrestato camionista nisseno

0

L’increscioso episodio si è verificato, alle 4 di sabato scorso, quando il marinaio di ispezione ha informato il comandante della nave che una ragazza di 23 anni gli aveva riferito di essere stata toccata nelle parti intime da un uomo mentre dormiva

Un camionista di Caltanissetta è stato arrestato dalla polizia marittima di Salerno per aver abusato di una passeggera sulla nave “Carteur Delta” della compagnia Caronte&tourist, partita da Messina nella serata di venerdì e approdata nel porto di Salerno sabato mattina.

L’increscioso episodio si è verificato, alle 4 di sabato scorso, quando – riporta La Città – il marinaio di ispezione ha informato il comandante della nave che una ragazza di 23 anni gli aveva riferito di essere stata palpeggiata nelle parti intime da un uomo mentre dormiva in poltrona. L’ufficiale di bordo ha cercato invano l’autore delle molestie su tutta l’imbarcazione. Poi, dopo aver calmato la ragazza, le ha fatto mettere per iscritto quanto era accaduto. La 23enne ha raccontato che, intorno alle 2 di notte, mentre era seduta su una poltrona col suo fidanzato, si era sentita toccare nelle parti intime. Convinta che fosse il suo uomo non aveva reagito ma, quando il palpeggiamento si era fatto violento e doloroso, si è resa conto che la mano era quella di un passeggero che sedeva dietro di lei e che si stava masturbando. Scoperto, l’uomo le ha chiesto scusa, facendole capire a gesti di rimanere in silenzio, poi si è allontanato.

Successivamente l’uomo è stato rintracciato sul ponte intorno alle 10 del mattino di sabato. Il camionista, ammettendo le sue responsabilità, ha chiesto di essere picchiato purché non fosse denunciato. Al momento dello sbarco ha cercato di confondersi tra i camionisti che uscivano dalla “Caronte” ma la polizia, avvertita dal personale della nave, era lì ad attenderlo. Il 50enne, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria ed è stato rinchiuso nel carcere di Fuorni a disposizione dell’autorità giudiziaria. La ragazza, invece, è stata condotta al pronto soccorso dell’ospedale “Ruggi d’Aragona” perché colta da malore e sottoposta al protocollo medico previsto per i casi di violenza.

Condividi

Lascia un commento