Salute

Caltanissetta, appello Unsa alla Ministra Cartabia: “pochi magistrati e personale agli uffici minorili”

V. P. - La Sicilia

Caltanissetta, appello Unsa alla Ministra Cartabia: “pochi magistrati e personale agli uffici minorili”

Mar, 08/06/2021 - 10:20

Condividi su:

Caltanissetta, appello Unsa alla Ministra Cartabia: “pochi magistrati e personale agli uffici minorili”

L’Unsa giustizia torna a farsi sentire, rivolgendosi al ministro Marta Cartabia, per chiedere di occuparsi di quello che è stato definito il “caso nisseno”.

“Caso” che da anni riguarda l’esiguo numero di dipendenti in servizio negli uffici minorili, sia dal punto di vista della magistratura che del personale amministrativo.

A parlare chiaro è stato il segretario distrettuale dell’Unsa giustizia Enzo Falsone: «I pochi dipendenti rimasti in servizio continuano a lamentare la situazione di estremo disagio ed abbandono. I problemi legati alla funzionalità degli uffici costringono gli addetti ai lavori a rivolgere le loro richieste, oltre che ai rispettivi vertici giudiziari da molti mesi lì in applicazione, anche al nostro sindacato, che da sempre ha lottato per la necessaria copertura e per l’ormai ineludibile ampliamento dell’organico».

«Siamo ancora qui a richiedere, l’autorevole interessamento del ministro perché valuti con la necessaria attenzione il “caso nisseno” e in particolare le ragioni per cui gli uffici minorili del distretto di Caltanissetta possano e debbano continuare ad operare con la serenità necessaria per un’attività così delicata. Invitiamo il ministro – conclude Falsone – a verificare, ed eventualmente contestarci, non solo l’effettiva pianta organica dei rispettivi uffici minorili, ma in particolar modo l’effettiva presenza degli ultimi anni, onde poter constatare, tramite medico competente, le numerose patologie, spesso per ragioni di ufficio, che hanno interessato, quasi tutto il personale lì in servizio, fatte salve le assenze, per leggi di tutela, come maternità, ovvero assenze per gravi patologie o per assistenza familiare.

E’ anche vero che il personale delle cancellerie e segreterie giudiziarie, continua ad essere definito dalla legge, come appartenente all’ordine giudiziario e come tale regolato da leggi particolari, ma a tutto ciò non corrisponde l’adeguata attenzione riservata al personale di magistratura che viene sostituito anche con lunghe applicazioni. Personale che ha contribuito a non far collassare l’attività»

Necrologi di Caltanissetta