Salute

Fondi Europei. Di Paola (M5S): Musumeci contraddittorio. Non spende i soldi per la prevenzione degli incendi ma aumenta gli stipendi ai dirigenti regionali

Redazione

Fondi Europei. Di Paola (M5S): Musumeci contraddittorio. Non spende i soldi per la prevenzione degli incendi ma aumenta gli stipendi ai dirigenti regionali

Mer, 02/12/2020 - 08:42

Condividi su:

Fondi Europei. Di Paola (M5S): Musumeci contraddittorio. Non spende i soldi per la prevenzione degli incendi ma aumenta gli stipendi ai dirigenti regionali

“Pur volendo esprimere soddisfazione per lo sblocco di alcune misure del piano di sviluppo rurale, occorre essere realisti sul fatto che di questi aiuti, gli agricoltori continueranno a non ricevere nulla ancora per mesi per la burocrazia regionale. Musumeci è contraddittorio. Non spende i milioni di euro del PSR per la prevenzione degli incendi ma aumenta gli stipendi ai dirigenti regionali”. A dichiararlo è il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Nuccio Di Paola a proposito della riprogrammazione del PSR sui cui ha espresso parere in queste ore la commissione Bilancio dell’ARS.

“Oltre al danno per gli agricoltori siciliani – spiega Di Paola – si aggiunge anche la beffa perché leggendo sempre la proposta di delibera su cui la commissione bilancio ha espresso parere apprendiamo che tra le sottomisure colpite da lungaggini burocratiche, c’è la 8.3 che prevede il sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici. Parliamo di quegli stessi incendi che ogni estate distruggono sistematicamente il nostro patrimonio boschivo. Che correttivi intende fare il Governo Musumeci per eliminare una volta per tutte queste problematiche a livello procedurale che non consentono la spesa di questi milioni di euro? La Regione contestualmente però sigla un accordo per lo straordinario agli impiegati, gli stessi che per Musumeci si grattano la pancia. Con la pandemia stanno vedendo fuori tutti i nodi che purtroppo non riguardano solo la sanità ma anche i fondi europei. I siciliani – conclude Di Paola – meritano rispetto e vogliono risposte”.