Salute

L’Istat: a maggio persi 84 mila posti di lavoro. Sale il tasso di disoccupazione. Le donne tra le più colpite.

Redazione 1

L’Istat: a maggio persi 84 mila posti di lavoro. Sale il tasso di disoccupazione. Le donne tra le più colpite.

Gio, 02/07/2020 - 19:54

Condividi su:

L’Istat: a maggio persi 84 mila posti di lavoro. Sale il tasso di disoccupazione. Le donne tra le più colpite.

Prosegue l’emorragia di posti di lavoro in Italia. A renderlo noto è l’Istat secondo cui nel mese di maggio sono stati 84 mila quelli che si sono persi in Italia. Sempre l’Istat sottolinea che da febbraio il livello di occupazione è diminuito di oltre mezzo milione di unità e le persone in cerca di lavoro di quasi 400 mila, a fronte di un aumento degli inattivi di quasi 900 mila unità.

Tra le più colpite da questa emorragia sono le donne. I dati dicono infatti di una diminuzione dell’occupazione su base mensile a maggio (-0,4% pari a -84mila unità) con 65mila donne e 19 mila uomini. Complessivamente il tasso di occupazione è sceso al 57,6% (-0,2 punti percentuali).

La diminuzione degli occupati, sempre secondo l’Istat, nell’ultimo mese ha coinvolto esclusivamente i lavoratori dipendenti, con un calo più marcato tra quelli a termine (-3,0%). Il tasso di occupazione in un anno è sceso di 1,5 punti. Risale pertanto il tasso di disoccupazione al 7,8% (+1,2 punti) e, tra i giovani, al 23,5% (+2,0 punti). L’aumento delle persone in cerca di lavoro (+18,9% pari a +307mila unità) si rileva maggiormente tra le donne (+31,3%, pari a +227mila unità) rispetto agli uomini (+8,8%, pari a +80mila) e coinvolge tutte le classi di età.

Generalizzata, infine, anche la diminuzione del numero di inattivi (-1,6%, pari a -229mila unità): -1,7% tra le donne (pari a -158mila unità) e -1,3% tra gli uomini (pari a -71mila), con conseguente calo del tasso di inattività che si attesta al 37,3% (-0,6 punti).