Salute

Caltanissetta, tutto il teatro di Emma Dante nell’incontro con Stefania La Vaccara: mercoledì 11 dicembre 

Redazione

Caltanissetta, tutto il teatro di Emma Dante nell’incontro con Stefania La Vaccara: mercoledì 11 dicembre 

Mar, 10/12/2019 - 11:53

Condividi su:

Caltanissetta, tutto il teatro di Emma Dante nell’incontro con Stefania La Vaccara: mercoledì 11 dicembre 

La docente di Piazza Armerina, cultrice di discipline dello spettacolo in procinto di pubblicare un libro sul lavoro della regista palermitana, è la protagonista del secondo appuntamento di “Prima della Prima”. Caltanissetta, Teatro Regina Margherita, mercoledì 11 dicembre ore 18

Proseguono gli incontri di “Prima della Prima” organizzati dall’Amministrazione comunale di Caltanissetta per conoscere più da vicino alcuni degli spettacoli della Stagione 2019/2020 del Teatro Regina Margherita, attraverso le parole di giornalisti, docenti, intellettuali e anche alcuni degli stessi attori e autori. Mercoledì 11 dicembre alle ore 18 al Teatro Regina Margherita la professoressa Stefania La Vaccara di Piazza Armerina, cultrice di discipline dello spettacolo, terrà un incontro intitolato “Extra Moenia. Il teatro di Emma Dante”, preparando il pubblico allo spettacolo in programma sabato 14 dicembre.
Stefania La Vaccara approfondirà dunque il lavoro autoriale e registico di una delle esponenti di spicco del teatro siciliano, a partire da uno dei suoi ultimi lavori, quello realizzato con gli allievi della “Scuola dei mestieri dello spettacolo” del Teatro Biondo di Palermo, da lei diretta.

Stefania la Vaccara nel corso della sua carriera ha tenuto conferenze su teatro e cinema per diverse associazioni, partecipato a convegni nazionali e internazionali, organizzato seminari in ambito universitario, pubblicato su riviste specializzate, di teatro e di italianistica, redatto voci su dizionari tematici. Dopo il 2003 svolge ricerche di post-dottorato sul teatro di D’Annunzio, su regia e attori tra fine Ottocento e primi del Novecento, sul teatro contemporaneo. Dal 2005 al 2011 insegna Discipline del teatro e dello spettacolo presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Catania e presso il DAMS dell’Università “Kore” di Enna occupandosi spesso di drammaturgia siciliana contemporanea. Ha frequentato laboratori teatrali e di drammaturgia, recitato in spettacoli del regista catanese Gianni Salvo (1994-6) e gestito, come esperto, Laboratori teatrali scolastici finanziati con fondi Europei. Negli ultimi anni (2018-2019), oltre che sul teatro dannunziano, ha pubblicato saggi su Pippo Delbono e su Franco Scaldati, ed è in procinto di scrivere uno studio sul teatro di Emma Dante.

CAMPAGNA ABBONAMENTI 4 PERLE
Lo spettacolo “Extra Moenia” fa parte dell’abbonamento “4 Perle”, di cui è in corso la campagna abbonamenti. Si tratta di un abbonamento “più piccolo” ed economicamente più sostenibile (da 30 a 20 euro), pensato per incentivare i più giovani a venire a teatro. Fanno parte di questo abbonamento: “Extra Moenia” (14 dicembre); “Los 4 Cobres” (9 gennaio); “L’ammazzatore” (31 gennaio); “Il Volo del Gabbiano Jonathan Livingston” (7 maggio). Gli abbonamenti “4 Perle” spettacoli possono essere acquistati al botteghino del teatro oppure on line sul sito www.liveticket.it

Palermitana classe 1967, Emma Dante esplora il tema della famiglia e dell’emarginazione attraverso una poetica di tensione e follia nella quale non manca una punta di umorismo. Drammaturga e regista, si è diplomata a Roma nel 1990 all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Nel 1999 costituisce a Palermo la compagnia Sud Costa Occidentale con la quale vince il premio Scenario 2001 per il progetto “mPalermu” e il premio Ubu 2002 come novità italiana. Nel 2001 vince il premio Lo Straniero, assegnato da Goffredo Fofi, come giovane regista emergente, nel 2003 il premio Ubu con lo spettacolo “Carnezzeria” come migliore novità italiana e nel 2004 il premio “Gassman” come migliore regista italiana e il premio della critica (Associazione Nazionale Critici del Teatro) per la drammaturgia e la regia. Nel 2005 vince il premio Golden Graal come migliore regista per lo spettacolo “Medea”. Ha pubblicato “Carnezzeria. Trilogia della famiglia siciliana” con una prefazione di Andrea Camilleri (Fazi 2007) e il suo primo romanzo “via Castellana Bandiera” (Rizzoli 2008), vincitrice del premio Vittorini e del Super Vittorini 2009, nel 2013 è diventato anche un film presentato in concorso alla 70 edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (a Elena Cotta la Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile) che ha vinto il Premio Soundtrack per la  miglior colonna sonora,  il Premio Navicella attribuito dalla Rivista del Cinematografo e il Premio Lina Mangiacapre.
Nell’ottobre del 2009 le viene assegnato il premio Sinopoli per la cultura.

Alcuni suoi spettacoli per oltre 10 anni, dal 2000 al 2010, sono stati rappresentati in Italia e all’estero: “mPalermu”, “Carnezzeria”, “Vita mia”, “Mishelle di Sant’Oliva”, “Medea”, “Il festino”, “Cani di bancata”, “Le pulle” e le favole  “Le principesse di Emma”.

Dal  2011 gira in Italia e all’estero lo spettacolo “La trilogia degli occhiali”, pubblicato da Rizzoli, costituito da tre capitoli: Acquasanta, Il castello della Zisa e Ballarini. Nell’aprile 2012 debutta a Parigi all’Operà Comique “La muta di Portici” di Auber diretta da Patrick Davin che viene ripresa nel marzo 2013 al teatro Petruzzelli di Bari con la direzione di Alain Guingal. Con “La muta di Portici” vince il premio Abbiati nel 2014.

Nell’ottobre 2012 debutta, al teatro Olimpico di Vicenza, “Verso Medea” tratta da Euripide, con musiche e canti composti ed eseguiti dal vivo dai fratelli Mancuso. Il 18 gennaio 2014 inaugura la stagione del Teatro Massimo di Palermo con “Feuersnot” di Richard Strauss con la direzione di Gabriele Ferro. Nel 2014 riceve l’incarico biennale di direttrice artistica del 67° ciclo di spettacoli classici al teatro Olimpico di Vicenza, nello stesso anno  debutta al Teatro Mercadante di Napoli “Le sorelle Macaluso” coprodotto dal Theatre National di Bruxelles e dal Festival d’Avignone all’interno del progetto “Cities on stages”, con cui  vince il premio “Le Maschere” come miglior spettacolo dell’anno; e il Premio della critica 2014 e il Premio Ubu per la regia e il Premio Ubu per il miglior spettacolo 2014. Nello stesso anno Emma Dante diventa regista principale al teatro Biondo e direttrice della “Scuola delle arti e dello spettacolo” costituita all’interno del teatro palermitano. Alla fine del primo corso della scuola da lei diretta nasce lo spettacolo “Odissea A/R” che va in tournée nei più importanti teatri d’Italia.
Nel 2014 vince il premio De Sica per il teatro e il Premio Ipazia all’eccellenza femminile. Il 21 gennaio del 2015 inaugura la stagione del teatro Massimo con “Gisela!” Di Hans Werner Henze e, ad un anno esatto, al Teatro dell’Opera di Roma firma la regia di “La Cenerentola” di Rossini diretta da Alejo Perez.  Nel  2017 inaugura la stagione del Teatro Massimo con “Macbeth” di Giuseppe Verdi diretto da Gabriele Ferro e un mese dopo  debutta al Teatro Strehler “Bestie di scena” coprodotto dal Piccolo Teatro di Milano, Atto Unico/ Compagnia Sud Costa Occidentale, Teatro Biondo di Palermo e Festival d’Avignon. Al Teatro Comunale di Bologna debutta con il dittico: “Voix Humaine” e “Cavalleria Rusticana” diretto da Michele Mariotti, e alla 60° edizione Festival dei Due Mondi Spoleto debutta il suo “La scortecata” coprodotto da Fondazione Festival dei Due Mondi – Atto Unico/Compagnia Sud Costa Occidentale – Teatro Biondo di Palermo. “Eracle” di Euripide con la regia di Emma Dante, nella traduzione di Giorgio Ieranò, il 10 maggio 2018 ha inaugurato il 54° Festival al Teatro Greco di Siracusa.