Lettera aperta del comitato acqua pubblica Villalba ai 22 sindaci comprensorio Caltanissetta

0

DAL COMITATO ACQUA PUBBLICA VILLALBA RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

“SERVIZIO IDRICO INTEGRATO EX PROVINCIA di CALTANISSETTA              Le seguenti note derivano dal lavoro sinergico del Comitato spontaneo di Villalba in concerto con i numerosi Comitati cittadini territoriali, del Forum Siciliano Acqua e Beni Comuni, del Tavolo Tecnico dell’Acqua – Caltanissetta e del Movimento Consumatori sulla base di una continua attenzione ed approfondimento nei confronti della tematica della gestione del S.I.I. nella ex Provincia di Caltanissetta.

LETTERA APERTA ai Sindaci dei Comuni di88882222

1)VILLALBA, 2)VALLELUNGA PRATAMENO, 3)MARIANOPOLI,4) RESUTTANO, 5)MUSSOMELI, 6)ACQAVIVA PLATANI, 7)SUTERA, 8)BOMPENSIERE, 9)SERRADIFALCO, 10)CAMPOFRANCO, 11)MILENA, 12)MONTEDORO, 13)CALTANISSETTA, 14)SAN CATALDO, 15)SANTA CATERINA VILLARMOSA, 16)SOMMATINO, 17)DELIA, 18)RIESI, 19)MAZZARINO, 20)GELA, 21)BUTERA, 22)NISCEMI

Nel Comune di Villalba situato nel Vallone, poco più di 1000 abitanti, si è costituito il Comitato spontaneo Acqua Pubblica Villalba, rappresentanza locale del Forum Siciliano dell’Acqua e i Beni Comuni; uno dei tanti movimenti spontanei di protesta della cittadinanza nissena. Con la presente pubblicazione gli attivisti di Villalba vogliono ringraziare il gruppo politico “Amare Villalba” e la Presidenza del 332Geom. Alessandro Plumeri e ai membri dell’aula consiliare sullo stato della situazione idrica nel territorio, sui disservizi (o eventuali inadempienze) subiti da diversi cittadini, sulle tariffe alte, sulla possibilità che vi possa essere, per inadempienze, la possibilità di risoluzione del contratto fra i Comuni e la Società Caltaqua, ottenendo, dal Sindaco, risposte imprecise e nel complesso alquanto insoddisfacenti. In particolare, è stato chiesto al Sindaco Geom. Plumeri di chiarire la sua posizione relativamente a quelle di difesa e tutela dei cittadini del suo Comune e quanto espresso, in qualità di membro e di rappresentanza pubblica territoriale, nei verbali in seno alla Commissione Tecnica Regionale. Sembrerebbe però strano che la Comunità villalbese, pur vivendo problematiche analoghe ai Comuni limitrofi, non figuri, nei verbali della Commissione Tecnica Regionale appositamente costituita, tra i Comuni che hanno segnalato violazioni e motivi di scioglimento della convenzione con il gestore idrico. Tra questi il Comune di Gela, il Comune di Caltanissetta, il Comune di Butera, il Comune di Delia, il Comune di Mazzarino, il Comune di Mussomeli, il Comune di Niscemi, il Comune di Resuttano, il Comune di Sommatino e il Comune di Campofranco, che complessivamente costituiscono, già ad oggi, la maggioranza della popolazione nissena.

In riferimento ai verbali della Commissione Tecnica Regionale, il Sindaco Plumeri (in quanto membro), ha segnalato esclusivamente le inadempienze della Regione Siciliana in relazione ai finanziamenti erogati ad oggi al gestore privato, ma nessuna violazione o motivi di scioglimento o proposte di risoluzione contrattuale con Caltaqua, ritenendo, dunque che nel Comune di Villalba, allo stato attuale, non potrebbero sussistere motivi validi per la risoluzione del contratto. Inoltre in un comunicato giornalistico ha dichiarato di condividere e sottoscrivere la posizione della Presidente Dott.ssa Panvini, notoriamente contraria alla risoluzione contrattuale anticipata.

Alla fine del Consiglio comunale dell’08.11.2019 presso l’aula consiliare del Municipio di Villalba, il coordinatore locale del Comitato per l’acqua Dott. Giovanni Luca Diprima, dopo avere ampiamente illustrato le ragioni dell’esposto del Forum dei Movimenti per l’acqua e i Beni Comuni, alla Procura della Repubblica del mese di giugno 2019, ha chiesto al Primo cittadino quali iniziative intende portare avanti codesta amministrazione per tutelare la cittadinanza dall’esosa bollettazione e dagli ulteriori aumenti tariffari già previsti nel 2020. Il Sindaco ha risposto che l’Ente non è in condizioni di tutelare la cittadinanza adducendo ragioni economiche ed ha invitato coloro che hanno ricevuto l’avviso di sospensione idrica, a sanare la loro posizione, ad effettuare, se si avesse problema a pagare, ad una maggiore parsimonia idrica e alla ulteriore rateizzazione dei pagamenti, nuovamente contrattata con il gestore idrico in una recente riunione fra Sindaci a Caltanissetta. Però, nella situazione contingente e allo stato attuale, a Villaba molti suoi concittadini, che hanno già ricevuto l’ avviso di sospensione di servizio pubblico dall’ente gestore, si chiedono, giustamente, a chi devono rivolgersi per essere tutelati vista la risposta del Primo cittadino.

Con la presente lettera aperta chiediamo ai Sindaci dei 22 Comuni dell’ex Provincia di valutare insieme un’iniziativa comune e condivisa per verificare la legittimità della tariffazione idrica Caltaqua, sin dai primi anni di gestione al 2019, sulla base della rendicontazione disponibile e, inoltre, una stima dell’operato complessivo del gestore idrico intercorso negli anni, e convenzionato con tutti i nostri Comuni, nessuno escluso, da oltre un decennio.

Analoga iniziativa è stata avanzata dal rappresentante in Commissione Tecnica dell’Unione Sindacale Italiana Sig. Lorenzo Rosario Petix e del Forum Siciliano della Commissione Tecnica Regionale sig. Antonino Surace, alla presidenza della stessa, Dott.ssa Rosalba Panvini e a tutti i Sindaci del comprensorio.

Al Sindaco Geom. Alessandro Plumeri, anch’egli membro della Commissione Tecnica Regionale, i suoi concittadini chiedono di rappresentare degnamente l’intera Comunità e il nostro territorio, facendosi portavoce delle istanze della esigua popolazione e della cittadinanza minoritaria dell’ex provincia, nel suo duplice ruolo di Sindaco di Villalba e Vicepresidente ANCI SICILIA per lo spopolamento delle aree interne, all’interno del Gabinetto regionale, in attesa del tavolo politico in Prefettura di Caltanissetta previsto per il 15.11.2019 e delle imminenti e inderogabili decisioni pubbliche richieste dall’Assessore all’Energia e ai Servizi di Pubblica Utilità della Regione Siciliana, Dott. Alberto Pierobon alla Commissione Tecnica Regionale, ritenuta inadempiente e ravvisando il rischio di eventuali danni erariali, perentoriamente e non oltre il 30.11.2019, per tale ragione è prevista una riunione della stessa il 18.11.2019, in seguito al vertice politico in Prefettura.

Rimaniamo in attesa di un Vostro riscontro

Villalba, 13.11.2019

COMITATO ACQUA PUBBLICA VILLALBA FORUM SICILIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA E I BENI COMUNI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here