Caltanissetta, banda del furto al cimitero: dieci borsellini “spariti”, vittime donne anziane

0

Ladri al cimitero. E stavolta non per rubare materiale in rame come è sempre accaduto negli ultimi anni, ma per alleggerire borse e borsellini. Ed è un crescendo quello si sta registrando agli «Angeli» dove non c’è angolo del camposanto al riparo da episodi davvero brutti proprio perché perpetrati in un luogo sacro ai nisseni.

Dieci i colpi consumati nell’ultima settimana e tutti regolarmente denunciati alle forze dell’ordine. Bersaglio preferito sono le donne anziane che forse incautamente posano borse e borsellini senza porre molta attenzione e vanno a riempire le bottiglie nelle fontanelle.

Proprio in quel frangente – come si sospetta – si materializzano i ladri che portano via borse e portafogli per poi – come è stato descritto in sede di denuncia – abbandonarli dopo averli svuotati del contenuto. Oggetti che oltre ai soldi contenevano documenti ed effetti personali. I furti sono stati compiuti sia nella parte nuova che in quella storica del cimitero.

I ladri, come si presume, sfuggono alla vista dei custodi entrando dai cancelli laterali prospicienti via Castello di Pietrarossa e si muovono con disinvoltura nella zona a valle mettendo a segno colpi a ripetizione.

A facilitare l’azione ladresca l’assenza totale di impianto di videosorveglianza da tempo richiesti dalla direzione ma mai installati. Il cimitero «Angeli» è tutelato da una telecamera posta all’ingresso principale, d un’altra telecamera (posizionata dalla Soprintendenza) dell’attiguo complesso monumentale Santa Maria degli Angeli e una terza telecamera piazzata a metà via Angeli all’altezza della ex condotta medica. Il rafforzamento delle difese passive era stato sollecitato da quando agli «Angeli» si era registrato un autentico saccheggio di vasetti e altro materiale (pluviali compreso) di rame. Del pregiato metallo al camposanto è rimasto ben poco. (Fonte gds.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here