La replica di AmicoPolis alla pubblicazione dell’articolo: “Caltanissetta, tornano le Iene: nuova epopea nissena ma sfugge il protagonista”

0
Riceviamo e pubblichiamo da Fulvio Amico, Presidente di AmicoPolis
In data 14 Aprile, è stato pubblicato dalla redazione de Il Fatto Nisseno un articolo dal titolo “Caltanissetta, tornano le Iene: nuova epopea nissena ma sfugge il protagonista”.
Oggi ci viene data la possibilità di replicare, ecco quanto realmente accaduto quel sabato e perché probabilmente quella puntata non andrà mai in onda o se dovesse andare in onda, censureranno, tagliando risposte loro scomode, facendo addirittura credere che Fulvio Amico sia andato via senza rispondere all’inviato de Le Iene, Ismaele La Vardera, così apprendiamo dalle indiscrezioni pubblicate da Il Fatto Nisseno.
Ma prima di parlare di quell’episodio, giusto chiarire brevemente che AmicoPolis è un’azienda che sta facendo di tutto per superare le temporanee difficoltà e rispettare gli impegni presi con dipendenti, iscritti e fornitori, ciò è concretamente fattibile anche grazie all’interesse di Fondi esteri e perfino di una Banca d’investimento interessata a cartolarizzare i Crediti del Social.
AmicoPolis, riuscendo in ciò che si è prefissa, avrebbe nel breve un impatto molto significativo in termini di posti di lavoro nel nostro territorio.
Oggetto dell’articolo de Il Fatto Nisseno, sarebbero tuttavia dei pacchetti pubblicitari con payback perlopiù quadrimestrale, pur nonostante questi pacchetti siano stati acquistati da oltre il 99% degli Iscritti coi soli Crediti frutto delle loro pubblicazioni, dunque senza esborso di denaro, fatto stà che comunque è intervenuta la Consob sospendendo tali pacchetti pubblicitari con payback, pacchetti pubblicitari che AmicoPolis aveva già sospeso molto prima dell’intervento dell’Authority, ed inoltre va chiarito che AmicoPolis di propria sponde li ha posti in rimborso anticipato, modalità di rimborso anticipato alla quale quasi tutti gli aventi diritto, salvo qualcuno, hanno aderito anche con l’aiuto di associazioni e legali che si sono presi l’incarico di occuparsi, per conto dei loro associati e assistiti, della procedura di rimborso anticipato.
Dunque non si comprende cosa il Fatto Nisseno intendesse nel proprio articolo su AmicoPolis e su Fulvio Amico, citando la delibera Consob avverso la quale AmicoPolis ha peraltro presentato ricorso al Tar sebbene tali pacchetti pubblicitari con payback non siano affatto necessari al business aziendale e dunque già a suo tempo sospesi dalla stessa AmicoPolis.
Chiarito quanto oggetto nelle prime righe dell’articolo de Il Fatto Nisseno, torniamo al servizio de Le Iene, anticipando chi ne potrebbero essere i testimonials e protagonisti sulla base di indiscrezioni pubblicate in un piccolo gruppo facebook de i bannati da AmicoPolis, e che se sono stati bannati un motivo valido ci sarà, difatti si va da un tale sig. Sergio, bannato poiché si appropriava, copiandoli in modo continuativo, di contenuti di titolarità esclusiva della Arnoldo Mondadori Editore SpA al fine di pubblicarli a scopo di lucro in AmicoPolis, ciò è avvenuto per diversi mesi fin quando i legali del Gruppo Mondadori hanno prontamente avvisato AmicoPolis della violazione del diritto d’autore, accertata la violazione AmicoPolis ha provveduto al ban del sig. S. il quale nel frattempo ha guadagnato cifre considerevoli che non intenderebbe restituire; poi vi potrebbe essere un tale sig. E. che a seguito dei controlli amministrativi è stato accertato l’utilizzo, ai fini delle vendite nello shopping, di una partita iva di cui non era l’effettivo titolare, spingendosi fino a richiederne il pagamento sul suo conto corrente personale pur fatturando a nome di un’azienda non sua; vi sarebbe ancora un tale sig. G. che non avrebbe spedito merce da lui venduta a centinaia di iscritti, tramite la nostra piattaforma shopping, dei quali abbiamo ricevuto i reclami, e questo signore ne pretendeva comunque il pagamento… e così via… ecco in breve i soggetti patologici riuniti in un gruppo di bannati, che perderanno certamente in giudizio, dunque per mera vendetta diffamano AmicoPolis anche con l’aiuto di una fantomatica associazione che in base al nome farebbe bene ad occuparsi di contribuenti, dunque di cartelle esattoriali, piuttosto che promuovere per anni, con tanto di tessera nonché di uscite televisive del presidente di questa associazione a latere all’amministratore di un’azienda presentata ai loro associati come azienda leader e gruppo serio e certificato, un business piramidale dichiarato illegale in Italia dalle autorità e della cui partnership con tale azienda oggi questa associazione tenta di occultare ogni traccia online.
Questi bannati si sarebbero dunque rivolti a Le Iene, ben felici di realizzare un servizio in pieno conflitto d’interessi poiché ciò andrebbe a beneficio di un loro Sponsor, un Social italiano competitor di AmicoPolis, ma le cose purtroppo per Le Iene sono andate diversamente e quando durante le risposte verbali all’inviato Ismaele La Vardera, è stato citato il loro Sponsor, Le Iene sono corse ai ripari fingendo di non avere ripreso, sebbene filmassero l’intervista fin dall’inizio, a quel punto si è preferito interrompere il dialogo verbale e ne abbiamo inviato ulteriore risposta per iscritto a La Vardera, ma a Le Iene fa invece comodo far credere che Fulvio Amico (alias AmicoPolis) sia andato via senza rispondere, o addirittura non mandare in onda il servizio, di cui gli abbiamo chiesto la data della messa in onda per avvisare i nostri Iscritti e poterlo guardare, senza ad oggi ricevere risposta alcuna da Le Iene.
Cosa è stato risposto di talmente scomodo sullo Sponsor de Le Iene al punto da spingere Le Iene alla censura delle risposte fornite, sempre sulla base dell’articolo de Il Fatto Nisseno, certamente se così fosse a protezione del loro Sponsor?
Posto di fronte a tale evidenza, l’inviato Ismaele La Vardera de Le Iene, ha risposto di non conoscere il proprio Sponsor, oltre a tagliare e censurare tutto ed inventarsi che Fulvio Amico (AmicoPolis) sia andato via senza rispondere.
Fulvio Amico
AmicoPolis