Mussomeli, rispetto per l’ambiente e un pò di senso civico: “Macchè”

0

MUSSOMELI –  Forse è il caso di dire: “niente di nuovo sotto il sole”, riguardante il senso civico di taluni cittadini che, purtroppo, sconoscono o dimenticano  le regole fondamentali da osservare nella società in cui vivono. Saranno parole al vento, parole ripetitive, ed ogni sollecitazione al riguardo lascia il tempo che trova, in quanto  i fatti della quotidianità registrano, purtroppo tali comportamenti, a dir poco, disdicevoli, imbarazzanti,  e perché no, forse, anche provocatori.    “Così è stato pubblicato sul social  con foto al riguardo e con alcune considerazioni:  “Rocca d’ Annivina” un tempo (30 anni fa circa) discarica a cielo aperto, poi bonificata e oggi…..qualcuno è rimasto un pò indietro e continua a considerarla discarica…..” E poi continua: “Come può una mano lanciare un sacchetto della spazzatura?   Non gli viene il senso del pudore o di colpa nel compiere un gesto del genere che, peraltro, sporca il luogo in cui vive ed luogo in cui vivono gli altri…….?   Pronti sempre a lamentarci che il paese è sporco. …..ma noi cosa facciamo?    Lasciamo di qua e di là  i sacchetti, buttiamo le cicche per terra (anche i pacchetti delle sigarette volendo) le cartacce, i fazzoletti, le bottiglie, le lattine, potrei continuare…..( l’assortimento di ciò che si trova per terra è vasto……) ma mi fermo qui ! ”  E poi  il post così aggiunge: “Ci riteniamo un paese civile, ma delle regole del vivere civile non conosciamo neanche l’ A B C….  Non si può generalizzare….. e chi non ha nulla da rimproverarsi non può che condividere, ma si spera di arrivare a toccare qualche coscienza che ancora non ha capito che questo è il luogo in cui vive e che, come la propria casa, deve tenerlo pulito”.  Da sottolineare che non c’è soltanto l’Annivina ad essere stata interessata , ma  anche altri posti più centrali con comportamenti quasi a sfidare tutto e tutti. Ma perché non ci  impegniamo tutti  a fare rispettare l’ambiente con l’esempio, l’esortazione, con le buone maniere, collaborando con gli addetti ai lavori, con l’auspicio di raggiungere  risultati che profumano di conquista sociale?