Salute

All’acquavivese Pietro Vullo la “Cittadinanza “Benemerita”

Carmelo Barba

All’acquavivese Pietro Vullo la “Cittadinanza “Benemerita”

Sab, 15/10/2016 - 23:00

Condividi su:

All’acquavivese Pietro Vullo la “Cittadinanza “Benemerita”

pietro-vullo-16AQUAVIVA PLATANI – La cittadinanza era stata invitata a partecipare presso la sala consiliare del Municipio alla cerimonia di attribuzione della “Cittadinanza Benemerita” al signor Pietro Vullo,  e, in tanti, ieri pomeriggio, sabato 29 ottobre 2016, intorno alle ore 19, vi hanno preso parte. Familiari, amici e conoscenti, autorità comunali, civili, religiose e militari, con la loro presenza, hanno voluto   congratularsi e complimentarsi per  l’alto riconoscimento alla sua persona. Sono state consegnate  pergamena e targa con pietro-vullo-6parole che esprimono sinteticamente le qualità   dell’illustre compaesano il cui curriculum presentato ai convenuti  è risultato assai eloquente. Questa l’incisione sulla targa: “Cittadinanza benemerita al Signor Pietro Vullo:  L’Amministrazione Comunale con profonda stima è lieta di annoverarlo tra i cittadini illustri della nostra comunità”, nella pergamena, invece,  si leggeva:  “ Al Signor Pietro Vullo, nonostante i prestigiosi incarichi svolti all’estero, ha mantenuto solidi rapporti e legami con il suo paese d’origine, generando in tutti noi sentimenti di stima e di gratitudine. Il sindaco Salvatore Caruso”. L’intervento dei relatori nella cerimonia, il pietro-vullo-2ringraziamento all’amministrazione comunale e ai compaesani presenti da parte del cittadino benemerito Pietro Vullo, la torta finale augurale, hanno creato un felice momento di condivisione ed un generale compiacimento. Questo il curriculum  del Cav. Pietro Vullo, nato ad Acquaviva Platani il 7 aprile 1940:

Nel 1957 frequenta a Palermo il corso di stenodattilografia e ne consegue il diploma.

Nel 1958 si trasferisce a Caltanissetta e viene assunto, come impiegato, presso l’Istituto Autonomo Case Popolari.

Nel 1962 frequenta la scuola speciale di istruttore di guida e ottiene il certificato di idoneità pietro-vullo-8a ”istruttore di guida”.

Nel 1963 lavora presso una scuola guida a Roma, dove nel frattempo si trasferisce, come istruttore. A seguito di superamento del concorso, lo stesso anno viene assunto come impiegato presso il Ministero degli Affari Esteri.

Il 12.04.1964  si sposa con la signora Francesca Di Prima, originaria di Petralia Soprana; dal matrimonio nascono tre figli, due femmine ed un maschio, che studiano, si laureano ed oggi occupano posti di responsabilità all’estero, Bruxelles, Lussemburgo e Tirana.

pietro-vullo-33Dal 1963 al 1969  viene inviato come “corriere diplomatico” presso le sedi diplomatiche estere  dall’ufficio corrieri  del Ministero degli Affari Esteri.

Dal 1969 al 1973 presta servizio presso l’Ufficio Passaporti del Consolato Generale  d’Italia a Stoccarda  (Germania) e nel 1971 consegue il certificato  di idoneità della lingua tedesca.

Dal 1973 al 1979 viene assegnato all’Ufficio amministrativo, presso la Rappresentanza Permanente d’Italia alla Nato a Bruxelles (Belgio).

Nel 1075 frequenta ed ottiene il diploma di lingua francese.pietro-vullo-21

Dal 1979 al 1984  lavora presso il viceconsolato d’Italia a Mons (Belgio)

Nel 1984 viene richiamato al Ministero e a seguito di superamento  del concorso a funzionario , viene nominato responsabile  dell’Ufficio cintabile della direzione generale affari economici.

Nel 1987 viene nominato vice console e reggente del consolato d’Italia a Bruxelles ove riceve numerosi apprezzamenti, per il suo lavoro in favore dei cittadini italiane, sia dalle Associazioni, che dalle autorità italiane ed estere.

pietro-vullo-27Dal 1994 al 1997, viene assegnato come agente consolare, all’agenzia consolare d’Italia a Genk (Belgio,  Regione Limburgo)

Il 2 giugno il Presidente della Repubblica pro tempore on.le Oscar Luigi Scalfaro, per particolari benemerenze,  gli conferisce il titolo di “Cavaliere della Repubblica”.

pietro-vullo-5Dal 1997 al 2000 è responsabile dell’Ufficio Trasferimenti del personale all’estero presso la direzione generale  del personale del Ministero degli Affari Esteri.

Dal 2000 al 2007 viene assegnato all’Ufficio amministrativo per la gestione  del personale civile e militare italiano in servizio al quartiere generale della NATO a Bruxelles.

Dal 1° maggio 2007, terminata la sua brillante carriera, viene posto in congedo”.

NECROLOGI