Mussomeli, sui misteri delle miniere Bosco e Raineri nasce comitato e petizione-on-line

0

MUSSOMELI- Dalle parole ai fatti il passo è stato davvero breve. L’inchiesta portata avanti da questa testata giornalistica sui misteri delle tanto discusse scorie contenute nel ventre delle miniere di Bosco e di Raineri, non solo ha suscitato l’inaspettato quanto tempestivo intervento della politica ma anche e soprattutto della società civile. E’ di queste ore la notizia della nascita su Facebook il social network più famoso al mondo di un apposito comitato denominato COMITATO DI DENUNCIA SUI MISTERI BOSCO E RAINERI. Non solo: è stata anche creata un’apposita petizione on-line sulla RICHIESTA DI ULTERIORI INDAGINI SUI MISTERI DI BOSCO E RAINERI che, come evidenziato nel testo della istanza viene creata perché: “Il trand in netta crescita di morti per neoplasie che negli ultimi anni ha contraddistinto tutta l’area del Vallone e della provincia di Caltanissetta in genere, ha ulteriormente spinto ogni singolo abitante di questa vasta comunità a pensare che, come tanto discusso negli anni addietro, possa esserci qualcosa di molto pericoloso all’interno del ventre delle miniere in disuso di Bosco, in località Serradifalco e di Raineri in località Mussomeli.Ragion per cui, attraverso questa petizione, si chiede alle istituzioni, al governo provinciale e regionale, di fornire ulteriori risposte a quanto fin’ora avute, su un problema che rischia, nel giro di qualche anno, di interessare molte più persone di quanto fin’ora censite e spesso, purtroppo, decedute..”