Primi passi per la sfiducia al sindaco. 8 consiglieri “vicini” al neo deputato Mancuso: “I cittadini chiedono di tornare alle urne”

2

CALTANISSEETTA – Alla luce di quanto accaduto nel corso del Consiglio Comunale di ieri avente ad oggetto la vicenda relativa alla rotazione del personale, che ha permesso di smascherare l’atteggiamento dittatoriale, e mai collaborativo, del Sindaco Ruvolo e dei suoi adepti, riteniamo doveroso intervenire al fine di far chiarezza sulla nostra chiara posizione politica in Consiglio.
A seguito delle dimissioni degli assessori Cigna ed Insisa, preso atto che il Partito Democratico, prendendo le distanze dall’Amministrazione, ufficializza di fatto il passaggio all’opposizione, riteniamo sia arrivato il momento di porre fine a questa agonia amministrativa.
Da tre anni questa Amministrazione si presenta come partecipata, dialogante e trasparente, ma nulla di tutto ciò emerge dai comportamenti del Sindaco e della Giunta che in modo subdolo, arrogante, vile e poco trasparente hanno di fatto tradito le aspettative dei cittadini nisseni che, nel Loro programma, avevano riposto fiducia e speranza.
Incapacità, arroganza e superbia, hanno prevalso su tutto e ieri si è toccato il fondo.
Idee, belle parole e millantato amore per la Città e per i cittadini sono state soffocate da una azione che in pochi attimi ha riassunto tre anni di bugie, falsità, ipocrisie, accuse ed illusioni.
Girando le spalle e lasciando da soli in aula Consiglieri, Sindacati, dipendenti ed i tanti cittadini presenti, ha dimostrato che con gli slogan si possono vincere le elezioni ma di sicuro non si risolvono i problemi della Città.
Inutile elencare le cose non fatte, per questo basterebbe prendere in mano il Loro programma elettorale, ma cosa ancor più grave è che le poche cose fatte, le poche azioni portate avanti si sono rivelate illogiche, astratte e spesso al limite della legittimità.
Non possiamo ancora perder tempo, la Città, più che mai stanca, ci chiede con forza di tornare alle urne dando così la possibilità ai cittadini di poter scegliere un nuovo Sindaco che agli slogan preferisca la concretezza e le azioni a tutela della Città.
Proficuo e confortante è stato l’incontro avuto quest’oggi con il neo deputato eletto On. Michele Mancuso che, dopo una attenta e condivisa analisi, ha supportato, chiedendo il coinvolgimento di tutte le forze politiche sane del Consiglio Comunale, la volontà di porre fine alla tragica esperienza Ruvolo, esempio di cattiva politica e mala amministrazione.
Il forte senso di responsabilità, che aveva già caratterizzato seppur forse prematuramente la nostra azione di sfiducia, ci spinge, oggi più che mai, ha depositare presso l’Ufficio di Presidenza, la richiesta di Consiglio Comunale per discutere e votare la sfiducia al Sindaco Ruvolo, auspicando che questa, alla luce della nuova geografia politica, possa essere condivisa e sottoscritta dagli altri componenti del Consiglio Comunale.
I Consiglieri Comunali
Adornetto Calogero
Bruzzaniti Gianluca
Daniele Rita
Delpopolo Guido
Dorato Walter
Maira Alessandro
Petrantoni Salvatore
Rizza Riccardo

Condividi

2 Commenti

  1. Non serve dare assessorati, basta che i consiglieri guardino il conto bancario per rendersi conto che sfiduciando rinunziano al bonifico mensile che gli fa il comune per non fare niente che risolva i problemi dei cittadini!

  2. state tranquilli, adesso il Sindaco darà qualche assessorato a quei “consiglieri” di opposizione , che hanno votato per foza il bilancio, per non fare cadere il Sindaco e tutto andrà a posto e non si raggiungerà mai la maggioranza per la sfiducia!!! Peccato.

Lascia un commento