Paralisi al Comune, Caltanissetta Protagonista: “Sindaco vile, troppe malefatte in due anni”

9

“Ruvolo non scherza più, ora chi sbaglia paga. Il terrore serpeggia fra i corridoi del Comune di Caltanissetta, l’effetto panico che fa seguito al provvedimento di sospensione di una dipendente rea di aver fatto perdere un finanziamento, si percepisce da lontano.

La giunta del sindaco Ruvolo
La giunta del sindaco Ruvolo

Impiegati atterriti, dirigenti (quelli rimasti) allucinati, utenti spaventati. Le minacce e i provvedimenti di Ruvolo ormai sono quelli di un tribunale militare”. Duro affondo del movimento Caltanissetta Protagonista all’amministrazione del sindaco Ruvolo, dopo la notizia diffusa dall’assessore Boris Pastorello di aver sospeso una funzionaria del Comune di Caltanissetta colpevole di aver perso un finanziamento di oltre 100mila euro.

Ma il movimento del quale è leader Michele Giarratana e che sfidò Ruvolo al ballottaggio non risparmia critiche a tutto campo contro il governo di centrosinistra. “Daremo un consiglio anche ai lacchè del Polo Civico che non hanno perso tempo a elogiare il pugno duro dell’Amministrazione: il capo è suscettibile, potrebbero dargli fastidio pure gli applausi; fermatevi ad osservare. Ormai siamo a scene di ordinaria follia. Mentre adesso anche le inchieste travolgono tutto e tutti mentre sentenze mettono in crisi, le casse e la credibilità di un Comune che va verso il precipizio, mentre gli immigrati ormai assediano e presidiano ogni parte della città, mentre lo spaccio di droga e i furti aumentano a dismisura, mentre da oltre due mesi un solo atto di contabilità o amministrativo non viene firmato, mentre tutto e tutti all’interno e all’esterno del Comune narrano di vicende tragicomiche, liti,ripicche e letterali ammutinamenti, qualcuno, fra i miraggi di campus che si trasformano in distretti, trova il tempo di inventarsi un provvedimento punitivo “esemplare”, un’”inversione di tendenza” mai registrata fino ad ora”, è l’attacco di Caltanissetta Protagonista all’amministrazione Ruvolo.

“Noi abbiamo l’impressione che sia stato invece un provvedimento disperato, un colpo di coda patetico e vile che invece mette a nudo una sacrosanta verità: l’Amministrazione ha ammesso irrimediabilmente le sue colpe – dice il movimento facendo riferimento alla sospensione della funzionaria di Palazzo del Carmine -. Una colpa “in eligendo” perché chi se non loro hanno affidato quel compito o quella mansione alla persona punita e una sacrosanta colpa “in vigilando”, perché se è vero come è vero che l’Amministrazione ha un Sindaco e una serie di Assessori, non si capisce quale ruolo questi abbiano se non quello di dare le linee guida e vigilare che queste vengano eseguite. Non si deve mai in nessun modo arrivare a alla perdita di risorse economiche perché se hanno responsabilità gli impiegati molti di più ne hanno gli Amministratori che, sia chiaro, noi denunzieremo presso la Corte dei Conti”.

Il sindaco Ruvolo finisce così nel mirino del movimento Caltanissetta Protagonista, accusato di giocare a scaricabarile. “La finisca una volta per tutte il Sindaco di dire “e che colpa ne ho io, è colpa dei dirigenti”, così come fa ad ogni occasione, in modo vile non prendendosi mai le sue responsabilità, per giustificare le continue malefatte di quest’amministrazione”.

“Ammesso e assolutamente non concesso (per i motivi sopra esposti) che lui sconosca lo svolgimento delle fasi burocratiche, ci dica, pubblicamente, senza reticenze e scarica barile puerili e stucchevoli, perché dopo due anni non sia stato capace di procedere all’approvazione della nuova pianta organica, il primo vero, serio passo verso la riorganizzazione del Comune che, come abbiamo spiegato mille volte, è un’azienda e come tale va gestita – concludono gli attivisti del movimento nisseno – non una finta rappresentazione di improvvisati discepoli della democrazia partecipata che a tutto fino ad ora hanno pensato tranne che al bene della città. Non in malafede ma per manifesta e imbarazzante incapacità”.

Condividi

9 Commenti

  1. In relazione ad altri articoli, sulla Sicilia che è in crisi, avevo auspicato che si cambiasse, che chi sbaglia paghi, con la propria tasca, oppure a casa (per inciso, prima che venisse fuori questa notizia). Premesso che i fatti dovranno essere approfonditi (non sono ne pro ne contro sindaco e giunta), la situazione è lo specchio dell’Italia…. avviene così a Roma, nei ministeri, nelle regioni, negli enti locali…… In Sicilia in modo particolare anche per via di quello, ripeto sempre, lo statuto, ossia quello strumento politico che ha creato 90 onorevoli, una giunta regionale zeppa di assessori e dirigenti, enti vari eas, esa e così via….. Responsabilità zero…… ora che siamo in crisi nera? Ho detto in altri articoli che, per vedere quanto siano validi gli amministratori locali e nazionali basta leggere le sentenze dei Tribunali amministrativi, civili e penali…..Facciamo tesoro e portiamo la classe politica a darsi da fare…. con le cose serie…. in altro articolo, quello relativo alla costituzione del comitato del NO al referendum, avevo criticato (non offeso nessuno) che era meglio dedicarsi a cose più concrete,,,, che boicottare o promuovere un referendum…. La gente se ne frega…. vuole risposte concrete…. Sono stato additato quale galoppino di politici (cosa falsa, sono uno di quelli che ha dovuto lasciare la Sicilia per una decente sistemazione), quando cercavo invece di fare capire che i problemi veri, sui quali bisogna lottare erano questi….. Poi la mafia di merda la fa da padrona e spara sulle montagne credendole cosa sua…. ho detto promuoviamo leggi che mettano mafiosi, ladri, corrotti in galera per decenni….. poi la gente entra in villa e rapina…… chiedete a quelle persone cosa possa interessargli del SI o del NO al referendum…. poichè queste attività distolgono il parlamento dall’affrontare i veri problemi……. Ho accusato in sintesi persone che hanno tutti i titoli (che nessuno nega) a dedicarsi a cose più concrete… Se siamo ridotti così è anche e soprattutto perchè, in altri tempi, s’era chi giocava a fare la rivoluzione, mentre altri facevano comunella con la mafia…….

  2. Il finanziamento è perduto, la colpa, come da copione, è stata attribuita al funzionario, tutto nel perfetto stile ruvoliano. In perfetta aderenza a quello stile di chi sa attribuirsi il merito e la gloria di quello che va bene ( ma cosa?) e abilmente sa scaricare la colpa di ciò che non va o trovare scuse e pretesti per tirarsi fuori da ogni responsabilità. Non posso però evitare di ricordare a tutti i nisseni il consenso quasi plebiscitario riservato appena due anni fa a questo Sindaco e a tutta la coalizione che lo appoggiava, dove sono adesso tutti i sostenitori dell’ineffabile Sindaco? Si nascondono dietro ad un dignitoso silenzio o, peggio, hanno pure il coraggio di lamentarsi?
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso, sarà forse un luogo comune ma ormai, davvero, non ci resta che piangere!

  3. Spero tanto che il funzionario, che risulta essere una persona che ha sempre lavorato alacremente, dopo l’ ESEMPLARE punizione incroci le braccia come tanti suoi colleghi e qualche dirigente, e magari sua ” perfezione” Ruvolo e il fido scodinzolatore Pastorello capiscano una volta e per tutte che sono inadegueti ad amministrare con autorevolezza un ente

  4. Scusate, ma come si può addebitare la colpa della propria inefficienza ad un impiegato? vero è che l’impiegato avrebbe dovuto lavorare ma l’assessore che cosa fa controlla? o semplicemente prende lo stipendio di assessore? Ma per favore, troppo semplice scaricare le proprie reponsabilità ad altri!DIMETTETEVI

    • Che schifo! La gente muore di fame e loro si fanno scappare i finanziamenti! RUVOLOOOOOOO, VAI A CASAAAAAAA!

  5. Analisi precisa e dettagliata ma aggiungerei che il sindaco è in assoluta malafede ,perché amministra in maniera scorretta e personalistica . In due anni non attivato neanche un punto del suo programma elettorale e continua con quella faccia di bronzo a dire e fare ciò che crede . Per favore fatelo dimettere prima che sia troppo tardi vi prego non abbiamo più possibilità!

  6. PARALISI???? ma questi non hai mai cominciato ad amministrare! e adesso se la prendono con un impiegata che ha sempre dato tutto nel suo lavoro… che schifo! RUVOLO se hai una dignità dimettiti!

  7. Musica per le mie orecchie!!! Ma come al solito è come abbaiare alla luna. Il Sindaco ha la faccia ricoperta di stagno, i consiglieri comunali fanno finta di niente, i partiti che sostengono questo sindaco sciagurato se ne stanno letteralmente fottendo così come i nisseni che o si lamentano e poi votano per questi figuri o dormono. I nisseni siamo inutili e non meritiamo niente. Diciticcillu a Giarratana!

  8. speriamo sia il 1 di una lunga serie, qualsiasi amministratore si scontra con questo sistema di dipendenti inutili, dal 27 assicurato, e da premi di fine anno IMMERITATI, ci sono tanti giovani volenterosi e perbene pronti a prendere il posto di questi scansafatiche. x la prima volta sono d’accordo con questo sindaco. licenziate chi non merita uno stipendio regalato e forse qualcosa cambierà.

Comments are closed.