Salute

Facebook Gaming: l’ultima frontiera del social per giocare online

Redazione

Facebook Gaming: l’ultima frontiera del social per giocare online

Ven, 31/07/2020 - 23:33

Condividi su:

Facebook Gaming: l’ultima frontiera del social per giocare online

Il mondo dei social media, sempre più affollato di nuovi iscritti e followers, è in continua lotta sul fronte della popolarità: Facebook, Instagram, Twitter e altri social si alternano vivendo momenti di massimo splendore, seguiti da periodi meno brillanti. La battaglia per essere sempre sulla cresta dell’onda avviene – per fortuna! – con armi molto pacifiche: in buona sostanza, si tratta di aggiungere nuove funzioni che permettano agli utenti di trascorrere più tempo sulla piattaforma di riferimento.

Il social network fondato da Mark Zuckerberg ha sfoderato il suo più recente asso nella manica focalizzandosi su un tipo di intrattenimento che sta mietendo sempre più appassionati negli ultimi anni, ovvero il gaming online. Quale sia la rilevanza del gioco online in Italia, così come nel resto del mondo, è stato ben evidenziato da uno studio realizzato da Deloitte Financial Advisory e presentato all’Università Luiss di Roma. I numeri che emergono sono molto chiari: il gioco virtuale guadagna terreno anno dopo anno in tutto il mondo, con l’Italia e la Spagna che si pongono in testa per quello che riguarda le cifre investite. Il Regno Unito spicca invece sia per essere uno dei primi Paesi ad aver legalizzato il gambling online, sia per lo sviluppo raggiunto nella relativa industria.

L’Italia si pone quindi in testa per il numero di appassionati di gaming online. Non è un caso che l’ADM (precedentemente denominata AAMS) abbia, fin dall’anno della legalizzazione dei casinò online in Italia, operato una severa selezione dei portali ammessi ad offrire i propri servizi. Tra questi, spicca il portale di https://www.casino.com/it/, un casinò online che offre un carnet molto ampio di giochi, dalle slot machines ai classici giochi di carte disponibili in modalità classica e live. Grazie alla collaborazione con associazioni indipendenti come Gambleaware e IBAS, Casino.com è un modello positivo che giustifica l’espandersi di questo tipo di intrattenimento.

Da buon intenditore in fatto di tecnologia, Mark Zuckerberg ha deciso quindi di far salire a bordo di Facebook anche un comparto tutto dedicato al gioco online. L’entusiasmo per l’idea è stato talmente travolgente da far decidere un anticipo sui tempi: la sezione dedicata al gaming avrebbe dovuto fare la propria comparsa sulla piattaforma social a giugno, ma già ad aprile gli utenti di Facebook hanno visto comparire sul menù la nuova funzione dedicata ai giochi e alle community di giochi.

Come funziona Facebook Go Live, e a chi si rivolge

Giocare è – per definizione – il miglior passatempo, sia per distrarsi che per socializzare. Le sale da gioco prima, e i videogames dopo, ne sanno qualcosa. Grazie ad Internet il mondo del gaming si è evoluto sempre di più, abbracciando sempre più giocatori e offrendo una scelta pressoché infinita di giochi. L’ultima tendenza che ha definito il mercato del gioco online è quella della modalità live: non solo casinò live, ma anche videogiochi live. Colossi come Youtube e Twitch (la prima di proprietà di Google, la seconda di Amazon) ne hanno già fatto il loro cavallo di battaglia, ed era prevedibile che anche altre piattaforme ne seguissero le orme.

La novità apportata dalla società californiana consiste prima di tutto nel separare i contenuti relativi ai giochi e gruppi di giochi per spostarli su un’app separata, dedicata a questo mondo. La seconda ventata di novità è quella relativa al live streaming: gli utenti di Facebook avranno non solo un accesso più immediato al comparto giochi, ma potranno anche condividere in diretta le loro partite, ricreando quella socialità che forse si era un po’ persa negli ultimi anni, prima dell’avvento del fenomeno della “condivisione”. Se non ti va di giocare, puoi semplicemente guardare le sessioni di gioco di qualcun altro, commentarle o aggiungere reazioni.

Come si può notare dall’immagine, Facebook è stata fedele al suo stile di sempre (che è anche quello che ne ha decretato il successo): semplicità d’uso e intuitività dei comandi sono i tratti distintivi della nuova app. C’è un motivo strategico anche: quella del live gaming è un’arena in cui si stanno già sfidando da tempo i grandi colossi del settore, che hanno come pubblico target gli streamer più tech-savvy, ovvero appassionati di tecnologia. Non è facile farsi largo in un tale contesto competitivo, ma il largo bacino d’utenza della piattaforma e l’approccio più semplice sono sicuramente le migliori carte che Zuckemberg potesse giocare.

Dal punto di vista dei contenuti, tramite l’app dei giochi puoi avere accesso sia ai classici tormentoni dei giochi istantanei (come OMG, Nametests e simili), sia procedere ad una ricerca più approfondita di giochi, gruppi di streaming gaming e streamer, ovvero amici e persone che stiamo seguendo. Tutto questo sarà possibile senza dover scaricare nulla né installare componenti aggiuntivi. L’app per ora è disponibile per i sistemi Android; a breve anche Apple provvederà a rilasciarla per i sistemi iOS.

Riuscirà la società di Mark Zuckerberg a raggiungere i concorrenti in testa alla classifica del live gaming mondiale? La sfida non è semplice, essendo Facebook una piattaforma più adatta ad altri tipi contenuti. Ma la condivisione è un elemento di punta del social californiano. Che vinca il migliore quindi!