Salute

Il fiuto dei cani per rilevare persone positive al Covid 19.

Redazione 1

Il fiuto dei cani per rilevare persone positive al Covid 19.

Ven, 05/06/2020 - 16:13

Condividi su:

Il fiuto dei cani per rilevare persone positive al Covid 19.

E se i cani fossero in grado di rilevare le persone positive al Covid-19? E’ questa la domanda alla quale sta cercando di dare una risposta scientifica il professor Dominique Grandjean, insegnante-ricercatore dell’Enva, su iniziativa del progetto Nosaïs-Covid19.

La sperimentazione, come riporta Le Monde, è stata realizzata con una ventina di animali alla scuola veterinaria di Alfort, in Francia. Dominique Grandjean, docente all’Enva e responsabile del servizio veterinario della brigata dei vigili del fuoco di Parigi dell’Enva, in un video pubblicato nella sua pagina di facebook, s’è detto convinto che i malati di Covid-19 abbiano un odore particolare, specifico, che i cani possono rilevare.

Ai cani sono stati fatti fiutare una serie di campioni di sudore umano: su quattro soltanto uno apparteneva ad un malato contagiato dal coronavirus. Ebbene il cane, dopo averli fiutati tutti ha individuato quello del malato Covid. La percentuale, in base a questa sperimentazione, sarebbe stata del 95%.

Il progetto riguarda l’individuazione del virus nel sudore. I campioni sono posti in barattoli sterili dietro grandi coni. Il cane è addestrato e si siede non appena fiuta l’odore del virus.

Questo progetto ha bisogno di essere approfondito prima di poter esprimere un tasso di affidabilità, tuttavia i primi risultati sarebbero incoraggianti. L’obiettivo è uno screening affidabile e massiccio del coronavirus.