Salute

Caltanissetta nel progetto Justsmart per innovare gli uffici giudiziari

Redazione 2

Caltanissetta nel progetto Justsmart per innovare gli uffici giudiziari

Ven, 01/07/2022 - 11:34

Condividi su:

Innovare i modelli operativi degli uffici giudiziari per smaltire gli arretrati e favorire la gestione delle attività ordinarie. Sono i principali obiettivi del progetto ‘justsmart’ – nel quale l’università di palermo è capofila di un partenariato composto anche dagli atenei di Catania, Messina, Cagliari e Sassari – che coinvolge i tribunali e le Corti d’appello dei distretti giudiziari di Cagliari, Caltanissetta, Catania, Messina e Palermo.

Si mira all’elaborazione di un modello operativo dell’ufficio per il processo negli uffici giudiziari interessati. Il progetto è stato presentato nell’aula delle adunanze del palazzo di giustizia di catania, con l’iniziativa ‘Progetto just smart: presentazione inizio attività linea 1 e 2’ organizzata dalla Corte di appello del tribunale etneo nell’ambito di ‘Giustizia smart: strumenti e modelli per ottimizzare il lavoro dei giudici – justsmart’.

“è uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla direzione generale per il Coordinamento delle Politiche di coesione del ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’ufficio per il processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato – ha spiegato Mariano Sciacca, coordinatore dell’Ufficio innovazione e sviluppo organizzativo (Uiso) del tribunale di Catania -.

Un investimento di oltre 51 milioni che coinvolge 57 atenei italiani, suddivisi in sei macro-progetti, per avviare un’attività in stretto raccordo tra le università e gli uffici giudiziari dei territori e con il ministero della Giustizia. Un’occasione storica e importante che deve responsabilizzare tutte le parti, che mescola saperi e conoscenze e che richiede una piena sinergia tra le parti. Un’occasione importante per il Sud che deve dare una risposta credibile su scala nazionale e europea”.