Salute

Salvini: “Pronti a collaborare ma governo non ci prenda in giro”

Redazione

Salvini: “Pronti a collaborare ma governo non ci prenda in giro”

Sab, 31/10/2020 - 11:10

Condividi su:

Salvini: “Pronti a collaborare ma governo non ci prenda in giro”

Noi siamo pronti a collaborare ma il governo deve smetterla di prenderci in giro. Lo dice il leader della Lega, Matteo Salvini, intervistato dal Corriere della Sera: “La prima proposta di collaborazione e’ del marzo scorso. Abbiamo detto: coinvolgeteci, consultateci prima di decidere. Mai sentito nessuno”. E aggiunge: “L’unica volta che ci hanno convocato a Palazzo Chigi e’ stato ad aprile per parlare di cassa integrazione. Proponemmo di adottare un modello unico (oggi ci sono 25 modalita’ diverse). Stiamo ancora aspettando la risposta. E’ da febbraio che dico che siamo pronti a dare il nostro apporto.

Puo’ essere pure un incontro settimanale, anche riservato. Ma penso che abbia ragione Marcucci: questo governo non e’ all’altezza”. Poi Salvini aggiunge: “Non sopporto la gente che prende in giro. Dicono che ascoltano ma non fanno nulla. Basti dire che su 213 decreti attuativi che dovevano licenziare ne hanno fatti solo 53. La chiusura di citta’ e Regioni deve essere l’ultimissima carta da giocare. Ma qui, detto che sono contrario, il problema non e’ la singola decisione.

E’ il metodo”. Salvini si dice preoccupato “delle piazze in agitazione” in quanto, “al di la’ dei cretini che si infiltrano per fare casino, sono il segno di un grande malessere sociale. Il governo non da’ risposte. Ci sono decine di cantieri gia’ finanziati (penso alla Gronda di Genova) che non partono. Ci sono risorse stanziate che non arrivano nelle tasche degli italiani. Questi hanno i soldi ma sono privi di idee e di progetti”.