Salute

Coronavirus, anestesisti lanciano l’allarme: “Rianimazioni a rischio posti letto al Centro-Sud in meno di un mese”

Redazione

Coronavirus, anestesisti lanciano l’allarme: “Rianimazioni a rischio posti letto al Centro-Sud in meno di un mese”

Ven, 09/10/2020 - 16:50

Condividi su:

Alla luce dei nuovi focolai di coronavirus, gli anestesisti lanciano l’allarme. “Se l’andamento dei casi continuerà con i ritmi attuali, stimiamo che in meno di un mese le terapie intensive al Centro-Sud, soprattutto in Lazio e Campania, potranno andare in sofferenza in termini di posti letto”. Lo afferma il presidente Alessandro Vergallo.  “Siamo molto preoccupati per le Regioni meridionali – sottolinea – dove rileviamo una maggiore impreparazione”.

“Potrebbe essere l’inizio di una seconda ondata” “Quella che stiamo vivendo in questi giorni potrebbe essere l’inizio della seconda ondata della pandemia da Covid-19 piuttosto che l’onda lunga terminale della prima fase pandemica – osserva Vergallo -. Questo ci preoccupa perché presuppone un ulteriore aumento dei contagi”. “Potremmo essere dinanzi a una fase di iniziale aumento esponenziale dei casi, e non più – ribadisce – dinanzi a un aumento lineare più contenuto”.

Necrologi di Caltanissetta