Salute

Sicilia la prima regione COVID-FREE. La proposta M5S per attrarre i turisti

Redazione

Sicilia la prima regione COVID-FREE. La proposta M5S per attrarre i turisti

Mar, 05/05/2020 - 16:46

Condividi su:

Sicilia la prima regione COVID-FREE. La proposta M5S per attrarre i turisti

PALERMO – Test sierologici rapidi a ciascun turista in arrivo in Sicilia, misurazione delle temperature tramite termoscanner, incentivi per tutte le strutture ricettive e non solo per i grandi alberghi e una forte operazione di marketing di promozione con lo slogan Sicilia regione COVID FREE. Sono queste le proposte che i deputati regionali del Movimento 5 Stelle Stefania Campo e Giovanni Di Caro mettono sul tavolo della Regione Siciliana per incentivare il turismo sicuro in vista della ripartenza. “La Sicilia – spiegano i deputati – sia regione Covid- Free e sia la prima regione pronta a ripartire. Fortunatamente il contagio in Sicilia è stato blando e tale rimarrà con tutta probabilità.

Una congiuntura favorevole che sommata ovviamente al contesto naturalistico e culturale che solo il nostro territorio può offrire, dovrebbe spingere il governo Musumeci a proiettare nel mondo l’immagine di un’area turistica sicura e accessibile puntando innanzitutto sulla sicurezza e sul monitoraggio dei turisti in arrivo. Bisogna cioè saper dimostrare di essere un luogo nel quale entri solo se sei sano. Per farlo è necessario però continuare a controllare gli ingressi, vietando severamente l’ingresso ai portatori, spesso incosapevoli, del virus anche attraverso la capillarizzazione dei test sierologici.

A tal proposito ci sono già alcuni operatori e anche compagnie aeree a voler dare un contributo fattivo in tal senso. Per quanto attiene ai pacchetti annunciati dal governo regionale, è necessario che questi comprendano e agevolino tutte le piccole strutture capillarmente distribuite in Sicilia e non strizzino l’occhio solo ai grandi alberghi. La Sicilia deve farsi trovare pronta alla ripartenza, consentendo agli operatori di programmare già adesso la stagione 2021” – concludono i deputati.