Caltanissetta sempre più green: largo alle bici elettriche 

0

Il mondo delle due ruote a pedali in questi anni sta subendo una vera e propria impennata di consensi sia nel settore turistico, grazie agli appassionati di cicloturismo, sia nel settore dei trasporti, considerando il fatto che le biciclette sono tra i pochissimi mezzi ad impatto 0 che consentono comunque di coprire anche grandi distanze; senza contare l’impatto positivo che hanno sulla salute, visto che comunque usare la bici anche per andare a lavoro ci consente di svolgere quel minimo di attività fisica quotidiana necessaria per mantenerci in forma.

La rivoluzione green

Sarà per il cambiamento climatico, sarà per cercare di garantire quanto più possibile una qualità dell’aria sempre migliore o semplicemente per cercare di risparmiare sui trasporti, fatto sta che piano piano le città stanno portando avanti una vera e propria rivoluzione green basata sulla creazione di una serie di collegamenti e azioni a favore sia di un trasporto pubblico che di uno privato sempre più ecosostenibile.

Normalmente il piano d’azione si svolge su più piani contemporaneamente: si opera portando avanti un processo di svecchiamento dei mezzi pubblici, rottamando quelli più vecchi e quindi più inquinanti, o riconvertendo quelli più recenti e contemporaneamente si mettono in piedi delle azioni, tipo finanziamenti agevolati e creazione di infrastrutture ad hoc, in grado di aiutare il privato cittadino ad utilizzare con sempre maggiore frequenza mezzi ecosostenibili. 

La prima colonnina elettrica privata ad uso pubblico

Caltanissetta nell’ambito delle politiche green può essere fiera di detenere un record italiano: la città siciliana è stata infatti la prima ad aver installato, tre anni fa, una colonnina elettrica per il rifornimento dei veicoli elettrici (automobili e biciclette) in transito. 

La particolarità di questa installazione è che è stata voluta da un imprenditore locale, molto attivo sulle tematiche green, e messa poi a disposizione della popolazione grazie all’accordo con il gestore dell’energia elettrica. Insomma, stiamo parlando della prima colonnina elettrica privata ad uso pubblico di tutto il territorio nazionale.

Caltanissetta e il progetto Sibit

Che si tratti di bici elettriche o tradizionali, la rivoluzione green sta conquistando rapidamente anche il settore del turismo: ogni anno sono sempre più i vacanzieri che decidono di partire non in macchina ma a cavallo del loro mezzo a pedali. La provincia di Caltanissetta a questo proposito (insieme a Trapani, Agrigento, Ragusa e Siracusa, in collaborazione con le isole di Malta e Gozo) è coinvolta nel progetto Sibit, ovvero una rete di oltre 1000 km di ciclovie caratterizzate da un interessante profilo storico, artistico e naturalistico. Gli itinerari, che attraversano a Caltanissetta i Campi Geloi, sono pensati per essere adatti ad ogni tipo di ciclista, dai più esperti alle famiglie con bambini, e sono personalizzabili in base al tempo a disposizione.  

Le bici elettriche

Nell’ottica dei veicoli green stanno assumendo sempre più importanza le biciclette elettriche, note anche con il termine di e-bike, che su un telaio tipico delle classiche bici possono montare un motore elettrico in grado di garantire una pedalata assistita. Anche se questa nuova generazione è generalmente più pesante rispetto alle altre, è innegabile la loro praticità maggiore soprattutto sulle medie e lunghe distanze. 

Basta semplicemente paragonare le caratteristiche tecniche delle bici classiche con le biciclette elettriche di Bikester per rendersene conto: questo e-commerce altamente specializzato nel settore offre una completa assistenza nella scelta dei migliori modelli e marchi disponibili sul mercato. Ma non solo: tra le guide disponibili sul sito ci sono numerosi paragoni tra le tipologie di biciclette più comuni, consigli sulla manutenzione, pezzi di ricambio e tutto ciò che può essere utile al ciclista più esperto tanto quanto al suo collega meno pratico.

Le e-bike nel tessuto cittadino

Le biciclette elettriche sono dei modelli di bicicletta che si possono integrare perfettamente nel tessuto urbano ed extraurbano, grazie ai numerosi modelli che nel tempo sono usciti sul mercato. La presenza sempre più capillare delle colonnine elettriche nel territorio consente anche una discreta libertà del ciclista nello scegliere percorsi di volta in volta differenti senza pericolo di rimanere “a secco”. 

Non pensate, però, che le biciclette elettriche non possano essere usate se manca l’energia del motorino: se vi manca l’energia della batteria, semplicemente non potrete godere della pedalata assistita, ma nulla vi vieta di montare comunque in sella e pedalare fino al vostro obiettivo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here