Caltanissetta, la città brinda ad un inaspettato successo: tre giorni di “folla” e festa, nisseni vivi

0

 

CALTANISSETTA – “Penso che un sogno così non ritorni mai più…” avrà canticchiato ogni nisseno in questo ordinario lunedì che segna l’inizio di una nuova settimana lavorativa. Si sarà stropicciato gli occhi, osservato l’abbronzatura sempre più tenue che sottolinea un’estate progressivamente sempre più lontana e guardando la strada, ipotizzato che le migliaia di persone (oltre ogni più rosea previsione) che hanno affollato il centro storico di Caltanissetta nel fine settimana, fossero solo il frutto di un suo bel sogno. Ed invece, per una volta, ci confrontiamo con un fatto, reale, concreto, positivo, elettrizzante. I tre giorni (6-7-8 settembre) del Sicily Food Festival e M’Arricrio Rock Fest (diretto da Lello Analfino), sono stati un successo: una marea di persone, con tanti non nisseni, hanno ridato linfa e vitalità ad una città apparentemente “appassita”. Menzione di merito anche per il Circus G., manifestazione autofinanziata, che venerdì sera ha contribuito ad arricchire l’offerta e renderla più appetibile. L’idea del Circus G. è stata sviluppata da ​Lorenzo Ciulla​, artista nisseno curatore della direzione artistica dell’evento, Roberto Gallà e ​Giuseppe Balbo​, cittadino attivo sensibile ai temi della valorizzazione del territorio che ha sostenuto concretamente fin da subito l’iniziativa.

La città, tutte le attività commerciali, hanno goduto di un flusso di persone enorme. Spazzate via, le critiche pretestuose, le immancabili “filippiche” dei social con arcinoto contenuto distruttivo masochistico nisseno, il “tafazzismo” è un connotato del lifestyle “caltanissettese”, le incertezze, le perplessità. Tentiamo tutti di sposare l’ottimismo, sforziamoci di vedere il bicchiere mezzo pieno: È meglio accendere una piccola candela che maledire l’oscurità (Confucio). Cibo da strada e concerti, hanno disegnato per tre sere un scenario colorato, ai piedi dell’iconico Tritone, ricco di facce e sorrisi: bambini, giovani, famiglie ed anziani, hanno “riscoperto” la piazza di Caltanissetta.

Non si cada nell’eccesso opposto… di tutto rose e fiori; sicuramente qualcosa non ha funzionato per il meglio ma, prendendo in prestito una frase più volte sentita nel corso delle serate da molti abitanti del capoluogo: “Manco per le vare, tutta questa gente”.

Dunque merito all’Amministrazione, al sindaco Roberto Gambino ed  al deputato regionale Giancarlo Cancelleri che ci ha messo lo “zampino” e non solo; domenica sera, durante l’affollato e trascinante concerto dei Tinturia, in una piazza Garibaldi stracolma, il pentastellato si è cimentato, con risultati confortanti, alla chitarra Guarda il video.

Sicuramente non saranno tre giorni da “party” a risolvere e risollevare una città ferita e dilaniata da mille problemi, ma in fondo il mondo, anche il capoluogo nisseno, sembra sempre più luminoso dietro un sorriso.

Caltanissetta. Si conclude il "M'arricrio Rock Fest", un gran successo. Sul palco con i Tinturia una chitarra a 5 Stelle: quella di Giancarlo Cancelleri

Pubblicato da Il Fatto Nisseno su Domenica 8 settembre 2019

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here