Resuttano, concerto della Passione con banda, lamentatori e coro parrocchiale

0

RESUTTANO -Sabato 13aprile si è svolto nella Chiesa madre di Resuttano il terzo concerto della passione. aS A esibirsi come sempre il complesso bandistico Alfonso Geraci di Resuttano guidato ormai da Anni dal maestro Antonino Lo Mauro.  Sei  le marce eseguite: “a mia zia” del maestro Napoli, “Parentibus” del maestro Pappalardo, “Pianto” del  maestro Bonaffini, “Alla mia mamma” del maestro Rondinella, “Marcia funebre op.35di Chopin” e “Madre, io vorrei” arrangiata sempre dal maestro Bonaffini.  Una chiesa gremita per l’esibizione della banda resuttanese che in questi anni ha raggiunto dei livelli  alti, grazie al maestro Antonino Lo Mauro, ma, anche, grazie alla voglia di fare di tutti i giovani componenti della banda che si impegnano settimanalmente nelle prove, nonostante gli impegni di lavoro, studio e di famiglia. Un colpo d’occhio  l’interno della chiesa con l’addobbo di velluto rosso porpora per l’incipiente settimana santa.   C’è da sottolineare che il  concerto  ê andato in onda anche sulle frequenze della RCN RADIO COMUNITÀ NUOVA e in streaming  dare la possibilità, a quanti impossibilitati, e soprattutto gli emigrati,di potere seguire l’evento, trasmesso anche, in diretta su facebook. Da sottolineare che sono 35 i componenti della banda, assai giovane e molto attiva, di cui molti sono under 20. Anche i lamentatori hanno preso parte al concerto con le loro “parti”, come anche il coro parrocchiale, in collaborazione con il complesso bandistico. Il concerto si è concluso con il brano “Madre, io vorrei”, e con un prolungato applauso a dimostrazione della bravura, generosità del gruppo bandistico che, ancora una volta, si esibito a titolo gratuito.   Ultimo brano “madre io vorrei” bellissima composizione del maestro Bonaffini cantata in collaborazione con una parte del coro parrocchiale.  Un lungo applauso finale da parte del pubblico per ringraziare la bravura e la generosità di qst gruppo che per l’ennesima volta ci ha intrattenuto gratuitamente. Padre Ignazio, a fine concerto, ha voluto donare, simbolicamente l’uovo di Pasqua della Airc (Associazione Italiana per la ricerca del cancro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here