Aste giudiziarie truccate a Caltanissetta, in 5 chiedono di patteggiare

0

CALTANISSETTA – È per il patteggiamento della pena che hanno optato. Lo hanno chiesto cinque dei coinvolti nel presunto scandalo delle aste giudiziarie truccate. Inchiesta di carabinieri e guardia di finanza, nome in codice “Barbatrucco” che nel marzo scorso ha coinvolto un assistente della cancelleria del tribunale, oltre a responsabili e dipendenti dell’Istituto di vendite giudiziarie.

Facendo scattare gli arresti domiciliari per uno degli indagati e la sospensione dalle proprie funzioni di altri tre. Mentre, globalmente, sono undici gli indagati per, a vario titolo, truffa aggravata, corruzione, turbata libertà degli incanti, peculato, abuso d’ufficio, falso in atto pubblico e spaccio di droga.

La via del patteggiamento – udienza non ancora fissata dal giudice – è stata scelta dal cancelliere sessantenne di Santa Caterina, Orazio Rotondo, il figlio, il trentenne Flavio Rotondo funzionario dell’”Ivg” l’unico per il quale sono scattati i domiciliari, il cinquantunenne Umberto Amico ex responsabile per Caltanissetta dello stesso istituto di vendite all’asta (tutti e tre difesi dall’avvocato Giovanni Di Giovanni), l’imprenditore settantacinquenne sancataldese Gaetano Marcenò (difeso dall’avvocato Pietro Pistone) e il trentaseienne pure lui di San Cataldo, Luigi Miserandino (assistito dall’avvocato Davide Anzalone) dipendente della società guidata da Marcenò. (di Vincenzo Falci, fonte gds.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here