La maggioranza su nomina commissione Ipab accusa: Modaffari fa solo “passerelle”

0

I consiglieri di maggioranza hanno individuato il componente della commissione che si metterà a lavoro per studiare la problematica relativa all’Ipab. Critica la parte politica che sostiene la giunta di Franco Raimondi contro il consigliere di opposizione Giampiero Modaffari e l’opposizione tutta per non aver ancora nominato nessuno.Di seguito il comunicato stampa dei consigleri di maggioranza Romeo Bonsignore, Settimio Culora, Franco Cagnina, Maurizio Lombardo, Marcello Frattallone, Carlo Raimondi, Calogero Bonfanti, Cristoforo Amico, Gaetano Giannone, Salvatore Citrano, Salvatore Pirrello e Ernesto Gattuso:

“L’annosa vicenda che attiene alle difficoltà finanziarie che ormai da anni vive l’IPAB della nostra città e che ha registrato il trasferimento degli anziani ospiti presso altre strutture, è stata trattata nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale su richiesta del Gruppo Consiliare “Riprendiamoci la Città”. In quella occasione, il consigliere Modaffari alla presenza dei dipendenti della struttura, da anni senza stipendio,  ha richiamato l’amministrazione e la maggioranza ad un immediato intervento teso a verificare le condizioni per un possibile rilancio dell’Ente. La maggioranza condividendo le preoccupazioni esplicitate dal capogruppo di Riprendiamoci la Città, con un provvedimento votato all’unanimità ha deliberato la costituzione di una commissione di studio composta da un consigliere di maggioranza, uno di opposizione, da un delegato del sindaco e da un tecnico del Comune, esperto in materie finanziarie. Ha deliberato la sua composizione entro 15 giorni dalla data del consiglio, ha fissato gli ambiti di intervento, prevedendo la stesura di una relazione da produrre entro 60 giorni al Consiglio e rimandava alla conferenza dei capi gruppo, l’individuazione dei consiglieri che dovevano farne parte. Questa la premessa, quello che invece è accaduto è che alla data odierna solo la maggioranza ha individuato nel consigliere Settimio Culora ( esperto e competente in materia) la propria rappresentanza nella commissione, mentre malgrado le sollecitazioni del Presidente del Consiglio e dei diversi consiglieri di maggioranza, l’opposizione non ha trovato un consigliere disposto a farne parte. Considerata la sensibilità dimostrata dal consigliere Modaffari nell’introdurre nel dibattito politico la questione dell’IPAB, ci si aspettava dalla stesso maggiore senso di responsabilità e nel contempo, confidando nelle sue indiscusse capacità, ritenevamo ovvio che superata la fase della “passerella” consiliare, lo stesso si impegnasse quale componente per addivenire ad una possibile proposta circa il futuro della casa di ospitalità. Evidentemente, il futuro dell’IPAB e il destino dei lavoratori era semplicemente l’ennesimo pretesto per attaccare in via pregiudiziale amministrazione e maggioranza. Abbiamo preso subito atto di un velato disinteresse di parte della opposizione, ma certamente non ci aspettavamo la fuga da chi solennemente appariva essere il paladino dei deboli. Gettata la pietra nello stagno, ritirava la mano. La Commissione prevista dal deliberato consiliare rappresenta un ulteriore strumento di studio e conoscenza, per consentire al Consiglio Comunale di adottare le successive scelte di natura politica e finanziaria. Nulla toglie alla amministrazione e alla maggioranza di impegnarsi nella ricerca di una soluzione sostenibile, in quanto l’IPAB era ed è una questione da affrontare, ma non accettiamo lezioni di sensibilità verso i più deboli, da chi usa e strumentalizza gli stessi. Le passerelle consiliari le lasciamo volentieri ad altri. Ai lavoratori assicuriamo che malgrado il disimpegno dei consiglieri di opposizione, nei prossimi giorni, con o senza commissione il lavoro che il Consiglio nella sua interezza aveva deliberato sarà comunque portato a termine”.