L’Italia delle slot, inchiesta del Gruppo Gedi. Caltanissetta, seconda in Sicilia: spesa pro capite, 648 euro

0
L’inchiesta è frutto del lavoro di squadra dei quotidiani locali del Gruppo Gedi, del Visual Lab e di Dataninja, società che si occupa di datajournalism. “Abbiamo realizzato un database che raccoglie tutti i dati sul gioco d’azzardo in Italia nel settore delle slot. E abbiamo voluto fare di più: metterlo a disposizione di tutti” spiega Roberto Bernabò, direttore editoriale dei quotidiani locali Finegil, che ha presentato il progetto alla Camera dei deputati alla presenza del sottosegretario del ministero dell’Economia, Pier Paolo Baretta, e insieme a Raffaele Mastrolonardo di Dataninja, Marianna Bruschi del Visual Lab, Annalisa D’Aprile dell’Agl
I dati sono consultabili sul database “L’Italia delle Slot”. Quanto si gioca in Italia? Solamente nel 2016 nella penisola si sono spesi circa 95 miliardi di euro, il triplo rispetto a quanto previsto dalla manovra finanziaria del 2018. Con oltre 400mila slot machine presenti sul territorio la spesa dei cittadini nel gioco d’azzardo si conferma in crescita rispetto agli anni precedent

SICILIA. Il primato siciliano per numero complessivo di slot è, in modo quasi scontato, del capoluogo di Regione. Palermo, infatti, ne conta ben 2.635. Seguita da Catania con 1.524, sul podio Messina dove ce ne sono 993. Quarta Siracusa con le sue 515. E poi Ragusa con 370 macchinette, Trapani con 352, Caltanissetta con 348. Chiudono la classifica dei capoluoghi siciliani Agrigento, in cui se ne contano 308, ed Enna con 132.

Ma se il dato complessivo è ovviamente influenzato dalla grandezza della città, è quello pro capite che riserva sorprese. Secondo il raffronto dei dati della piattaforma interattiva, infatti, sono i cittadini di Ragusa a spendere di più: ognuno dei 73.500 abitanti (con un reddito di 16.116 euro) ha giocato per 874 euro, 48 in più rispetto ai 826 del 2015, per un totale complessivo di spesa in slot machine e videolottery di 64,26 milioni di euro. Male anche Caltanissetta, seconda. Nel comune, che ha 63.153 abitanti con un reddito pro capite pari a 17.320 euro, ogni cittadino ha giocato una cifra pari a 694 euro aumentata di poco rispetto al 2015 quando era di 686 euro pro capite. Il totale della spesa complessiva per la città nissena è stata di 43,85 milioni in apparecchiature elettroniche.

Condividi

Lascia un commento