Salute

Beppe Manno il visionario del cinema itinerante a Mussomeli: iniziativa della sezione locale FIDAPA

Redazione

Beppe Manno il visionario del cinema itinerante a Mussomeli: iniziativa della sezione locale FIDAPA

Dom, 27/09/2020 - 07:47

Condividi su:

Beppe Manno il visionario del cinema itinerante a Mussomeli:  iniziativa della sezione locale  FIDAPA

MUSSOMELI – La settimana scorsa Beppe Manno, il visionario della pellicola da piazza, ancora una volta, accolto a Mussomeli da un vivace pubblico, presso lo storico Palazzo Sgadari, l’ottocentesco edificio originariamente adibito a carcere e ora sede dell’Antiquarium, nonché dei numerosi eventi che frequentemente lo coinvolgono. Agli onori di casa, il sindaco Giuseppe Catania che non ha rinunciato alla sua presenza nonostante gli imprescindibili impegni che si susseguono e incalzano a poco più di due settimane alle prossime comunali. L’evento a cura della FIDAPA (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari) sez. di Mussomeli, ( da sempre impegnata circa la promozione del territorio su cui opera), su iniziativa della neo-socia Adriana Tuzzeo e della presidente Ilaria Sparacello, dopo i saluti di rito degli organi preposti, ha lasciato il posto alle avvincenti narrazioni di un Beppe Manno più entusiasta che mai. Una rassegna itinerante di cortometraggi che il suo ideatore, catanese classe 1961, da quattro anni circa porta in giro per la Sicilia, quasi come un appassionato venditore ambulante offrendo agli spettatori uno spaccato di “cultura” come tiene a precisare lo stesso Manno. Una promozione del cinema d’autore volta a catturare l’attenzione del pubblico, giovani in particolare, dando voce a quelle narrazioni altrimenti negate e dimenticate. E proprio ai giovani, infatti, è indirizzato il messaggio paideutico dell’operato di Manno, perché la rappresentazione, a tratti anche ironica, e comunque quasi sempre sdrammatizzata, di temi importanti, quali Legalità, Solidarietà, Sana Convivenza, possano attecchire su un humus ancora fertile e altamente ricettivo qual è quello dei giovani…ancora ingenui speranzosi di un mondo migliore! Lodevole il plauso e la marcata attenzione dei presenti favoriti anche dalla potente carica emotiva dei film, mix di sceneggiatura, recitazione e montaggio di altissima qualità, dove il presente si fa già memoria e il passato rivive di nuova luce. A questo strumento d’eccezione, proprio per la sua connaturata e naturale mancanza di filtri che lo connota, il Cinema, appunto, è affidata la conversione di una società che sempre più fluttua sotto gli input di una tecnica rivelatasi più anestetica che salvifica. Assiduo frequentatore dei maggiori festival isolani dove accuratamente seleziona i prodotti da portare in giro, Beppe Manno ha così voluto “Abbattere il muro” del cinema da sala rendendo l’arte cinematografica fruibile a tutti, puntando molto, in tal senso anche al dibattito e al dialogo fra il pubblico. Degna di menzione la proiezione de “I siciliani” che, grazie alla “Dante Alighieri”, nel 2017, ha visto sbarcare la Sicilia a Johannesburg per la regia di Francesco Lama.

Emilia Di Piazza