Salute

Visita del governatore del Distretto Rotary 2110 Alfio di Costa al club di Caltanissetta: valorizzare il patrimonio artistico-monumentale

Donatello Polizzi

Visita del governatore del Distretto Rotary 2110 Alfio di Costa al club di Caltanissetta: valorizzare il patrimonio artistico-monumentale

Lun, 06/07/2020 - 08:42

Condividi su:

Visita del governatore del Distretto Rotary 2110 Alfio di Costa al club di Caltanissetta: valorizzare il patrimonio artistico-monumentale

Visita del governatore del Distretto 2110 del Rotary International Alfio Di Costa al club di Caltanissetta in occasione di un altro rilevante appuntamento per la comunità nissena, quello relativo al passaggio della campana, tutto in rosa. Marcella Milia, infatti, è succeduta alla presidenza del club Tiziana Amato.

Il governatore Alfio Di Costa nel suo intervento ha sottolineato come «crediamo in un mondo dove tutti i popoli, insieme, promuovono cambiamenti positivi e duraturi nelle comunità vicine, in quelle lontane, in ognuno di noi». E ha sottolineato Alfio Di Costa «Credo che la visione del Rotary sia la più avanzata interpretazione di come possiamo adeguarci al mondo che cambia, cambiando prima ciascuno di noi. Nessun cambiamento sarà possibile se non diventiamo consapevoli del fatto che il cambiamento è necessario e che bisogna, prima di tutto, intervenire su noi stessi. Il secondo passo per il cambiamento è passare dall’ “io” al “Noi”. Soltanto Insieme, condividendo gli stessi Valori, possiamo intervenire nelle nostre Comunità, sia in quelle più vicine che in quelle lontane, e promuovere cambiamenti positivi e duraturi. Il mondo cambia e il Rotary Internazionale deve cambiare e cambierà». Di spessore la citazione di Alfio Di Costa a Paul Valéry, il quale ricorda che: «il problema ai nostri tempi è che il futuro non è come è sempre stato». «Ciò – continua il governatore – è certamente vero a eccezione dell’uomo, perché è possibile che egli si modifichi continuamente di corpo e di anima, ma con lentezza estrema…ed il cambiamento sarà così debole che è inutile parlarne: l’uomo sarà ciò che è oggi. Ma, se l’uomo resta fisiologicamente il medesimo, socialmente egli si trasforma, e si trasforma assai presto. La stabilità biologica dell’essere umano contrasterà meravigliosamente con la sua instabilità sociale. È un mirabile esempio di evoluzione nella continuità. Pensare al nostro futuro significa prevedere l’evoluzione della Società nella quale viviamo per anticiparne i percorsi di cambiamento e adeguare ad essi il modello dei nostri club».

Significativa la citazione di Raoul Follereau, nel discorso programmatico della neo presidente Marcella Milia: «se in tanti piccoli posti del mondo, tante piccole persone fanno tante piccole cose nella direzione giusta, il mondo cambierà».

Continua la presidente: «in questi giorni in cui tutti siamo stati travolti dall’emergenza Covid che ci ha spinto ad impegnarci ancora di più nel servizio, abbiamo messo in campo le professionalità e le energie dei soci, con lo spirito di solidarietà che ci contraddistingue. Dobbiamo tenere conto della crisi economica-sociale anche del nostro territorio da cui ,a mio avviso, dobbiamo partire per cominciare a riflettere sulle azioni, sui service che dobbiamo rendere alla comunità, non attraverso interventi diretti, che le nostre poche risorse non consentirebbero di attuare se non simbolicamente, ma attraverso la capacità di proporre progetti alla comunità, coinvolgendo le istituzioni e tutti coloro che possono dare un contributo con azioni concrete facendo del bene nel mondo e costruendo la pace, perché sono fermamente convinta che la collaborazione e la sinergia aprono a nuove opportunità di confronto e permettono di ampliare le azioni di servizio del Rotary sul territorio in maniera più incisiva e significativa».

Marcella Milia, capace imprenditrice ed amministratore della società Medea srl, che si occupa della produzione e confezionamento di camicie su misura, è membro del Rotary Club di Caltanissetta dal 2007 ed è stata insignita del Paul Harris Fellow, la massima onorificenza rotariana; si divide tra l’attività in impresa e l’attività di volontariato presso la “Cittadella della Carità” dove i medici offrono assistenza gratuita. Collabora inoltre alle iniziative e varie attività che si svolgono presso il Museo Diocesano di Caltanissetta dove è stata cooptata dalla compianta Francesca Fiandaca, rotariana di eccellenza e per lungo tempo direttrice del Museo.

L’occasione è stata favorevole, inoltre, per insediare e presentare alla comunità le altre cariche sociali. Il nuovo consiglio direttivo sarà formato dai soci Fabio Tornatore, Salvatore Pilato, Marilia Turco, Antonio Di Prima, Giuseppe Sagone, Renato Tedeschi, Tiziana Amato Cotogno, Francesco Daina, Fausto Assennato, Alberto Milazzo, Maria Pia Punturo, Claudia Alletto e Piero Ribaudo.

A margine della giornata il governatore Alfio Di Costa ha fatto visita a Santa Maria la Nova, cattedrale della città. Costruita nel 1600, la sua facciata è affiancata da due alti campanili. All’interno è decorata con una serie di affreschi del celebre pittore fiammingo Borremans. Per Alfio Di Costa «è necessario potenziare l’attenzione al patrimonio monumentale della nostra regione e, attraverso esso, puntare ad un turismo capace di diventare il vero volano dello sviluppo economico della Sicilia».