Salute

Caltanissetta, Tutori Volontari di Minori stranieri non accompagnati: “un esempio di cittadinanza attiva”

Redazione

Caltanissetta, Tutori Volontari di Minori stranieri non accompagnati: “un esempio di cittadinanza attiva”

Gio, 09/07/2020 - 10:34

Condividi su:

Caltanissetta, Tutori Volontari di Minori stranieri non accompagnati: “un esempio di cittadinanza attiva”

Chi sono i Tutori Volontari? I Tutori volontari sono cittadini disponibili ad esercitare la tutela e la rappresentanza legale di persone straniere di minore età, arrivate in Italia senza adulti di riferimento.
Il loro compito è assicurare che al minore sia garantito l’esercizio dei suoi diritti senza alcuna discriminazione.

Cosa vuoi dire diventare Tutore volontario di un minore straniero non accompagnato? Vuol dire diventare punto di riferimento e guida nel suo percorso di inserimento nel nostro paese.
Il tutore promuove il benessere psicofisico dei minorenni, monitora i percorsi di educazione è integrazione sulla base delle capacità, delle inclinazioni naturali e delle aspirazioni dei ragazzi, collabora con le istituzioni e il sistema dell’accoglienza.

Come si diventa tutore volontario? Per diventare tutore volontario bisogna rispondere al bando di selezione e formazione del garante per l’infanzia e l’adolescenza della propria regione e frequentare un corso, che tratta aspetti giuridici, psicologici e sociali. Per poter assumere l’incarico bisogna avere almeno 25 anni e non avere riportato condanne penali.

Perché diventare Tutore Volontario? Perché è una pratica di cittadinanza attiva, che supporta il minorenne straniero arrivato in Italia senza genitori o altri riferimenti familiari adulti, che lo aiuta a comprendere il paese e la comunità in cui vive, che lo indirizza nelle scelte da compiere.

Essere un tutore volontario comporta quindi supportare e sostenere i minori, rappresenta un’esperienza di grande arricchimento personale e reciproco.
Il progetto di monitoraggio della tutela volontaria per i minori stranieri non accompagnati (PROG-2342) CUP H59G18000040006, che l’autorità garante per l’infanzia adolescenza è chiamata a svolgere dalla legge 47/2017 è finanziato dalle risorse europee del Fondo Asilo, Migrazione integrazione (FAMI), gestito dal Ministero dell’Interno.

Il progetto FAMI prevede un sistema di monitoraggio qualitativo quantitativo,volto a fornire informazioni sullo stato di attuazione della normativa in materia di Tutori Volontari e sullo sviluppo del sistema.

Per chi volesse ulteriori informazioni riguardante la tutela volontaria potete scriverci al seguente contatto email: azionifami.caltanissetta@tutelavolontaria.it

A cura delle Unità Operative Locali Dott. Emilio Giordano e Dott.ssa Rosa De Luca.