Salute

Caltanissetta, 164mila euro per attività ludiche di bimbi e adolescenti nelle 5 ville comunali

Lino Lacagnina - La Sicilia

Caltanissetta, 164mila euro per attività ludiche di bimbi e adolescenti nelle 5 ville comunali

Mar, 14/07/2020 - 16:26

Condividi su:

Caltanissetta, 164mila euro per attività ludiche di bimbi e adolescenti nelle 5 ville comunali

Dal Dipartimento per le Politiche della famiglia sono arrivati nelle casse comunali 164 mila euro da impiegare in attività estive rivolte a bambini e adolescenti da realizzare sia nelle cinque ville comunali della città (sino al 15 settembre) che negli spazi di taluni plessi scolastici nel periodo successivo e sino al 31 ottobre. A parlarne sono stati ieri mattina nella sala Gialla di Palazzo del Carmine il vicesindaco Grazia Giammusso, le due colleghe di Giunta Luciana Camizzi e Cettina Andaloro, oltre ai dirigenti Giuseppe Tomasella (Lavori pubblici) e Giuseppe Intilla (Politiche giovanili). «Verranno utilizzati – è stato spiegato – gli spazi ricreativi comunali, in particolare le ville Amedeo, Cordova, Monica e Parco Robinson, oltre alla zona ludica del quartiere San Luca. Qui i ragazzi e le ragazze di età compresa tra i 3 e i 14 anni avranno la possibilità di trascorre alcune ore giocando e divertendosi. Abbiamo previsto che gli orari di accoglienza possano partire sin dal mattino ed che le attività vengano condotte sino a tarda sera, intorno alle ore 23, magari alla presenza dei genitori dei bambini. Abbiamo divulgato un avviso pubblico finalizzato alla individuazione di soggetti che intendono presentare progetti di attività ludica estiva, e la data di scadenza di questa prima “finestra” è stata fissata per il 23 luglio.

Ciascun progetto “estivo” presentato otterrà un contributo di 10mila euro, in particolare 50 euro settimanali per ciascun iscritto; per i progetti da attuare nei fine settimana dopo l’avvio dell’anno scolastico e negli spazi esterni degli stessi istituti, il contributo sarà di 2mila euro e di 10 euro settimanali per ciascun iscritto. L’avviso pubblico resterà “aperto” sino ad esaurimento delle risorse disponibili. Sarebbe bello però che già con questo primo avviso pubblico si riuscissero ad ottenere adesioni tali da coprire il budget che il Dipartimento per le Politiche della famiglia ci ha assegnato». Giovedì alle ore 16 l’assessore Cettina Andaloro prenderà atto del numero di associazioni o gruppi interessati, i quali per partecipare alla conferenza dovranno preventivamente cliccare sul link “https://meet.jit.si/centriestivi020“. Per ciascuna delle due linee di intervento verrà predisposto un elenco delle candidature ritenute ammissibili in base all’esito della valutazione. «Vogliamo animare gli spazi ludici comunali – ha sottolineato il vicesindaco Grazia Giammusso – e coinvolgere in questo modo anche le famiglie dei ragazzi che parteciperanno ai progetti che ci verranno proposti. Ovviamente ogni attività dovrà avvenire nel pieno rispetto delle “linee guida” indicate dal Dipartimento erogatore del contributo.

Sarà nostra cura vigilare affinché ciò avvenga a garanzia dei bambini iscritti». Nell’eventualità che i potenziali soggetti proponenti di attività estiva non siano nella condizioni di rispettare pienamente le “linee guida” indicate, e quindi non siano in grado di presentare un progetto nei tempi stabiliti, è stata prevista la possibilità di riconsiderare nuove proposte compatibili sino al 31 agosto. Dopo l’esame dei progetti presentati (da parte di organizzazioni del Terzo settore, dagli enti riconosciuti dalle confessioni religiose, dalle associazioni o società sportive, da privati, società, ditte individuali, enti, agenzie) verrà stilato un elenco dinamico e per la preferenza si terrà conto della data di presentazione della proposta. Come detto, gli spazi da utilizzare per l’attività estiva saranno le quattro ville comunali e il “Giardino della legalità” del quartiere San Luca dove da qualche anno sono stati installate strutture ludiche idonee anche per i portatori di handicap. «Nelle ville e giardini comunali – afferma il dirigente Giuseppe Tomasella – la condizione di fruibilità è più che buona visto che anche recentemente abbiamo effettuato interventi di manutenzione. Purtroppo non tutte le attrezzature ludiche sono fruibili a causa dei danni causati da raid vandalici. Molte strutture sono comunque idonee all’uso e basterà una minima manutenzione per renderle del tutto fruibili. Abbiamo anche previsto l’acquisto di nuovi “giochi” ove se ne ravvisasse