Salute

Amaro pareggio per lo Sporting Vallone contro il Castellammare, con tanto di scuse da parte dell’arbitro. Le foto

Salvatore Catalano

Amaro pareggio per lo Sporting Vallone contro il Castellammare, con tanto di scuse da parte dell’arbitro. Le foto

Mar, 17/12/2019 - 23:34

Condividi su:

Amaro pareggio per lo Sporting Vallone contro il Castellammare, con tanto di scuse da parte dell’arbitro. Le foto
CAMPOFRANCO – Mastica amara lo Sporting Vallone nell’ultima in casa di questo 2019, fermato sullo 0-0 più che dal Castellammare da alcune decisioni arbitrali che lasciano l’amaro in bocca. Due gol annullati al 5’ del premo tempo a Gainnusa, per un più che presunto fallo di mano di Messina e al 1’ del secondo tempo per un fuorigioco inesistente dal momento che Messina era dietro la linea del pallone e per il quale l’arbitro a fine partita avrebbe chiesto scusa. Infine un calcio di rigore non assegnato per il fallo del portiere Grimaudo su Polito. La prima occasione della partita è il gol annllato a Giannusa. Al 9’ pericoloso il Castellammare con Bah che salta pure Pandolfo ma è costretto a decentrarsi, sul successivo cross Salvatore Messina tira a colpo sicuro ma respinge Guida. Nella fase centrale cresce lo Sporting Vallone che si rende pericoloso con Messina colpo di testa centrale e due volte con Immesi che conclude fuori. Nella ripresa il gol annullato a Messina e un’occasionissima per il Castellammare con Bah che a due passi dalla linea di porte manda alto sopra la traversa. Con il passare dei minuti aumenta la stanchezza, diminuisce la lucidità, le due squadre si allungano ma di conclusioni in porta nemmeno una.
SPORTING VALLONE 0
CASTELLAMMARE 0
SPORTING VALLONE: Pandolfo, Chiparo, Immesi, Sciacca, Guida, Pellison, Galeoto (64’ Candela), Speciale, Fabio Messina (64’ Panepinto), Polito, Giannusa. All. Francesco Tudisco.
CASTELLAMMARE: Grimaudo, Lo Bue, Amato, Salvatore Messina, Russello, Pirrone (67’ Giuseppe Di Bartolo), Lentini (78’ Tamburello), Burgarella (84’ Alex Di Bartolo), Bah, Cardinale, Pizzolato. All. Giuseppe Mione.
ARBITRO: Fazio di Agrigento.