Salute

Mussomeli- Sancataldese, un pareggio che non accontenta nessuno. Le foto

Redazione

Mussomeli- Sancataldese, un pareggio che non accontenta nessuno. Le foto

Lun, 09/03/2015 - 10:05

Condividi su:

Mussomeli Sancataldese0024MUSSOMELI – Al Mussomeli non riesce il sorpasso mentre alla Sancataldese sfuma l’allungo. Il pareggio consumato allo stadio “Nino Caltagirone” lascia l’amaro in bocca alle due formazioni nissene che speravano in qualcosa in più. Un derby ad alta quota la cui posta in gioco era la seconda posizione in classifica. Una partita con poche occasioni degne di nota da entrambi i fronti. I primi quindici minuti dedicati più allo studio che ai necessari assalti alle aree avversarie. Al 18’ primo pericolo per la Sancataldese: calcio di punizione del mussomelese Guastella ma la traiettoria è imprecisa. Ma è con la prima vera azione di contropiede dei padroni di casa che si sblocca il risultato. Al 28’ felice intuizione di Guastella: dal centrocampo serve in avanti Morello, bravo ad arpionare al volo la palla e di precisione a calciare verso l’angolino destro trafiggendo Dolenti. La Sancataldese non si da per vinta, ma anzi prova a pareggiare i conti. Al 32’ si rivela insidioso il tiro da fuori area di Bello e che sfiora di pochissimo la traversa. Otto minuti e arriva la rete dell’1 a 1. Un gol nato a causa di uno svarione difensivo: Costantino fa male i calcoli nel disimpegnare verso le retrovie, ne approfitta il bomber Scillufo che conquista la sfera, si introduce in area e di potenza calcia a rete. Nulla può Randazzo. Negli ultimi cinque minuti della prima frazione di gioco il Mussomeli tenterà di rimettere in discussione il risultato parziale ma senza alcuna fortuna. Degno di considerazione il tiro dalla distanza di Guastella, ma scarsamente calibrato si spegne fuori. Secondo tempo a doppia velocità: con una prima parte contrassegnata da una Sancaltaldese più concentrata e incisiva, e una seconda segnata da un Mussomeli più coraggioso e mai domo. I verdeamaranto tentano più volte di sbloccare il risultato con Scillufo. E’ suo ad esempio il tiro dalla distanza al 65’, ma troppo debole per impensierire Randazzo. Il portiere si supera quando dovrà rispondere con i pugni ad una punizione battuta dal numero 9. E sempre Scillufo, stavolta al 71’, provoca il panico con il solito calcio piazzato, ma la palla lambisce la traversa. Ancora il centravanti sancataldese, e ancora una volta con una punizione, tenta la via del gol al 78’. Bella la traiettoria, ma la palla sfiora di qualche millimetro la traversa. All’80’ è il Mussomeli che si fa vedere dalle parti di Dolenti: Casisa di punizione non riesce però a centrare lo specchio della porta. Sempre Casisa, in questo caso all’84’, prova a sorprendere il portiere avversario ma il suo tiro da fuori area è debolissimo. Ancora un altro tiro piazzato per i rossoblu all’88’ e ancora una volta l’imprecisione ne contraddistingue l’esito negativo: in questa occasione a tentare la carta dell’allungo è Giannola. Si tratta dell’ultima azione della partita e che finisce con molta amarezza per entrambe le compagini. A contendersi il risultato due squadre molto forti. Mach equilibrato, con un Mussomeli propositivo a centrocampo ma inconcludente nell’attacco, ed una Sancataldese spesso arroccata in difesa e che si è affidata più alle punizioni di Scillufo che alle classiche azioni da gol. Un esito che non accontenta nessuno, tranne il Mazara: grazie al pareggio dei nisseni i trapanesi conquistano il secondo piazzamento in classifica.

MUSSOMELI 1 – SANCATALDESE 1

MUSSOMELI: Randazzo, Corso, Genuardi, Costantino, Licari, Casisa, Morello, Giannola, Musarra (64’ Spoto), Guastella, Mercurio. A disposizione: Spanò, Calì, Corbetto, Mangiapane, Atia, Nola. ALL: Sapia

SANCATALDESE: Dolenti, Di Marco D. (82’ Anzalone F.), Di Marco Y. (61’ Lo Grasso), Chiazzese, Di Marco S., Martorana, Bruno (88’ Balistreri), Maniscalco, Scillufo, Mulè, Bello. A disposizione: Messina, Anzalone S., Scariolo, Barba. ALL. mARCENò

ARBITRO: Cusumano di Caltanissetta assistito da Saieva e Rizzo di Agrigento

RETI: 28’ Morello, 40’ Scillufo