Ryanair: “Dopo marzo stop cancellazioni”

0

Ryanair non effettuerà ulteriori cancellazioni, dopo quelle decise fino al prossimo mese di marzo e continuerà ancora a crescere in Italia, con un incremento del 6% nella stagione invernale. Sono queste le due principali rassicurazioni che il numero uno della compagnia low cost irlandese, Michael O’Leary, ha fornito al presidente dell’Enac Vito Riggio, nel corso di un incontro che si è svolto questa mattina presso la sede dell’ente a Roma.

”E’ stato un incontro molto positivo – ha detto O’Leary – abbiamo assicurato all’Enac che quelle annunciate fino a marzo saranno le ultime cancellazioni. Abbiamo confermato la nostra crescita in Italia, con un aumento del 6% della nostra attività nella stagione invernale e abbiamo nuovi importanti programmi per nuove rotte nel 2018”.

O’Leary ha anche sottolineato che l’operativo della compagnia sta tornando alla normalità. ”Ringraziamo l’Enac per il suo sostegno – ha affermato O’Leary – è stato importante che oggi ci siamo visti. I risarcimenti dovuti alle cancellazioni ci costeranno 25 milioni di euro e pagheremo tutti i nostri conti. Nelle ultime due settimane, abbiamo trovato una soluzione per il 95% dei passeggeri coinvolti”.

Il numero uno di Ryanair ha poi riferito che “al momento sono in corso colloqui con piloti di Alitalia che vogliono venire a lavorare con noi”. ”I nostri piloti sono pagati bene” ha sottolineato parlando con i giornalisti. “Lo stipendio è migliore, le condizioni sono migliori, la sicurezza del posto di lavoro è migliore”, ha detto spiegando che ”Ryanair applica contratti irlandesi che si rifanno a leggi europee”.

RIGGIO: NO ESTREMI PER SANZIONI – Al termine dell’incontro il presidente dell’Enac ha detto che “non ci sono estremi per comminare sanzioni ma rimaniamo vigili”. “Se accerteremo violazioni del regolamento, non faremo sconti”, ha avvertito Riggio riferendo che l’ente ha ricevuto un “vasto numero di reclami da parte dei passeggeri coinvolti dalle cancellazioni operate dalla compagnia irlandese”.

Il presidente dell’Enac parlando con i giornalisti si è detto soddisfatto dell’esito dell’incontro con il numero uno di Ryanair. “Sembra che la crisi sia risolta. Le nostre preoccupazioni – ha spiegato – vertevano soprattutto sul fatto che Ryanair riducesse gli investimenti ma abbiamo verificato che non si tratta di una crisi strutturale che avrebbe avuto un impatto sul traffico. O’Leary ha rassicurato che non c’è un disinvestimento di Ryanair sul mercato italiano. L’altra nostra principale preoccupazione era che venisse puntualmente applicato il regolamento europeo sui diritti dei passeggeri e ci risulta che il 90% dei passeggeri coinvolti sono stati avvisati e riprotetti. Abbiamo chiesto a tutti i consumatori se questo dato è vero. D’altronde, noi abbiamo avuto un basso numero di ricorsi”.

“Ryanair, inoltre, ha anche accolto – ha aggiunto Riggio – la nostra richiesta di correggere delle informazioni sul proprio sito. Con Ryanair siamo sempre stati in contatto in queste settimane ma era giusto che ci vedessimo anche con l’amministratore delegato visto che Ryanair è la prima compagnia italiana. E oggi – ha concluso – abbiamo avuto tutte le rassicurazioni di cui avevamo bisogno”.

Condividi

Lascia un commento