Salute

Appalti pilotati nel nisseno: ai domiciliari sindaco e vice di Santa Caterina

Redazione

Appalti pilotati nel nisseno: ai domiciliari sindaco e vice di Santa Caterina

Ven, 10/07/2020 - 09:07

Condividi su:

Appalti pilotati nel nisseno: ai domiciliari sindaco e vice di Santa Caterina

Ci sono anche il sindaco di Santa Caterina Villarmosa (Caltanissetta), Antonio Fiaccato, il suo vice Agatino Macaluso, e l’assessore alla Cultura e al Turismo, Giuseppe Natale, tra i 16 indagati del blitz denominato ‘Cerbero’, eseguito dai carabinieri e dalla Guardia di finanza. Il gip di Caltanissetta su richiesta della locale Procura ha disposto per tutti e tre gli arresti domiciliari. Al centro dell’inchiesta ci sono appalti concessi con affidamento diretto a imprenditori amici. Coinvolti anche imprenditori e liberi professionisti. Le accuse a vario titolo sono associazione a delinquere, concussione, corruzione, turbata libertà degli incanti e falso ideologico, abuso di ufficio.

Le indagini, dirette dalla Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta, hanno tratto origine dall’operazione ‘Pandora’ che aveva svelato, oltre a infiltrazioni mafiose nel comune di San Cataldo, anche ipotesi corruttive a carico di pubblici funzionari in concorso con imprenditori locali. “Proprio l’esame della documentazione sottoposta a sequestro nei confronti di un imprenditore coinvolto in quella indagine, ha costituito l’incipit delle attività investigative che si sono adesso concluse”, spiegano gli investigatori.